Imputati del Maxiprocesso di Palermo

Elenco degli imputati [1]

Imputato Richiesta del PM di primo grado Sentenza di primo grado Richiesta del PM di secondo grado Sentenza di secondo grado
Abbate Giovanni 7 anni Assolto 6 anni 3 anni
Abbate Giuseppe 9 anni 6 anni Ndp per morte dell’imputato
Abbate Mario 9 anni 6 anni 6 anni 5 anni e 4 mesi
Abbenante Michele 18 anni e 120 milioni 10 anni e 90 milioni 21 anni e 100 milioni 13 anni
Adelfio Francesco 18 anni e 150 milioni 6 anni e 6 mesi 6 anni e 6 mesi 5 anni e 10 mesi
Adelfio Giovanni 15 anni e 100 milioni 6 anni e 6 mesi 6 anni e 6 mesi 5 anni e 10 mesi
Adelfio Mario 9 anni Assolto 6 anni 2 anni
Adelfio Salvatore 16 anni e 100 milioni Assolto 6 anni 6 anni
Agate Mariano 22 anni e 200 milioni 22 anni e 180 milioni 30 anni e 230 milioni 6 anni e 6 mesi
10 Alaimo Rosolino 3 anni Assolto 3 anni Assolto
11 Alario Vittorio Amnistia Amnistia
12 Alberti Gerlando senior 11 anni 6 anni 10 anni 9 anni e 6 mesi
13 Alberti Gerlando Junior 13 anni e 60 milioni 15 anni e 30 milioni 20 anni 8 anni
14 Alduino Francesco Paolo Assoluzione Assolto Assoluzione Assolto
15 Alfano Paolo 21 anni e 150 milioni 17 anni e 120 milioni 29 anni e 90 milioni 17 anni e 120 milioni
16 Alfano Pietro 18 anni e 150 milioni 5 anni e 30 milioni
17 Alioto Gioacchino 15 anni e 10 milioni 8 anni e 3 milioni 13 anni e 6 mesi e 3 milioni 7 anni e 6 mesi
18 Altadonna F. Salvatore 4 anni e 6 mesi 4 anni e 4 milioni 4 anni e 4 milioni 3 anni
19 Amato Baldassarre Assoluzione Assolto Ndp per morte dell’imputato
20 Amato Federico 4 anni e 6 mesi e 10 milioni 4 anni e 4 milioni 4 anni e 4 milioni 3 anni
21 Anselmo Vincenzo 16 anni e 100 milioni 2 anni e 6 mesi e 30 milioni 7 anni e 2 mesi e 40 milioni 2 anni e 6 mesi e 30 milioni
22 Arcoleo Vincenzo 8 anni Assolto 6 anni Assolto
23 Argano Filippo 9 anni 8 anni 8 anni 8 anni
24 Argano Gaspare 9 anni 8 anni 8 anni 7 anni
25 Azzoli Rodolfo 5 anni e 25 milioni 3 anni e 6 milioni
26 Badalamenti V. Emanuele Assoluzione Assolto Assoluzione Assolto
27 Bagarella Calogero 6 anni Assolto Assolto
28 Bagarella Leoluca 11 anni 6 anni 10 anni 4 anni
29 Baldi Giuseppe 6 anni 6 anni 6 anni 5 anni e 4 mesi
30 Battaglia Antonino 18 anni e 100 milioni Assolto Assolto
31 Battaglia Giuseppe 20 anni e 100 milioni 6 anni 22 anni e 75 milioni 3 anni
32 Bellia Giuseppe 8 anni e 20 milioni 3 anni e 6 mesi e 25 milioni 4 anni 3 anni e 6 mesi e 25 milioni
33 Bertolino Giuseppe 6 anni Assolto
34 Biondo Salvatore 3 anni 2 anni 2 anni Reato prescritto
35 Bisconti Antonio 7 anni Assolto 7 anni Assolto
36 Bisconti Ludovico 7 anni 6 anni 10 anni 5 anni e 4 mesi
37 Bisconti Pietro 7 anni Assolto 7 anni Assolto
38 Bonanno Armando 12 anni 8 anni Stralcio
39 Bonanno Francesco 9 anni 7 anni 7 anni 2 anni (Condizionale)
40 Bonanno Luca 9 anni 6 anni e 6 mesi Ndp per morte dell’imputato
41 Bonica Marcello 8 anni e 20 milioni 3 anni e 6 mesi e 25 milioni 11 anni e 6 mesi 3 anni e 6 mesi e 25 milioni
42 Bono Alfredo 19 anni e 150 milioni 18 anni e 160 milioni Stralcio
43 Bono Giuseppe 24 anni e 200 milioni 23 anni e 200 milioni Stralcio
44 Bontate Giovanni 8 anni 8 anni Ndp per morte dell’imputato
45 Bonura Francesco 12 anni 6 anni 10 anni 7 anni
46 Brazzò Giuseppe Assoluzione 2 anni e 6 milioni 2 anni e 6 milioni Assolto
47 Bronzini Alessandro 18 anni e 100 milioni 8 anni e 12 milioni 19 anni e 25 milioni 6 anni
48 Brullo Vito Carmelo 3 anni 2 anni 2 anni Reato prescritto
49 Bruno Francesco Ergastolo 25 anni e 3 milioni Ergastolo Ergastolo
50 Brusca Bernardo Ergastolo 23 anni e 200 milioni Ergastolo 16 anni
51 Brusca Giovanni 9 anni Assolto 8 anni 6 anni
52 Buffa Francesco 9 anni 6 anni 6 anni 2 anni e 8 mesi
53 Buffa Vincenzo 18 anni 15 anni e 1 milione 19 anni e 2 mesi 14 anni e 6 mesi
54 Buscemi Salvatore 18 anni e 150 milioni 8 anni 25 anni e 100 milioni 7 anni
55 Buscetta Tommaso 4 anni 3 anni e 6 mesi
56 Calamia Giuseppe 6 anni Assolto 6 anni 6 anni
57 Calista Gaetano 9 anni 8 anni 8 anni Ndp per morte dell’imputato
58 Calò Giuseppe Ergastolo 23 anni e 200 milioni Ergastolo 23 anni
59 Calzetta Stefano 5 anni e 6 mesi Assolto
60 Campanella Attilio 11 anni e 50 milioni 7 anni e 18 milioni 19 anni e 37 milioni 7 anni e 18 milioni
61 Campanella Calogero 18 anni e 120 milioni 6 anni 25 anni e 75 milioni 6 anni
62 Camporeale Antonio Assoluzione Assolto Assoluzione Assolto
63 Cancelliere Domenico 9 anni 6 anni 6 anni 5 anni e 4 mesi
64 Cancelliere Leopoldo 9 anni Assolto 9 anni Assolto
65 Cangialosi Giovanni 18 anni e 200 milioni 5 anni e 30 milioni
66 Cannizzaro Francesco 18 anni e 150 milioni 17 anni e 120 milioni 21 anni e 75 milioni 16 anni
67 Cannizzaro Umberto 18 anni e 150 milioni 17 anni e 120 milioni 21 anni e 75 milioni 16 anni
68 Capizzi Benedetto 18 anni e 150 milioni 8 anni 10 anni 3 anni
69 Carollo Gaetano 16 anni e 100 milioni Ndp per morte dell’imputato
70 Caruso Vincenzo 12 anni e 4 milioni 7 anni 7 anni 6 anni
71 Casella Antonino 18 anni e 100 milioni 6 anni e 6 mesi Ndp per morte dell’imputato
72 Casella Giuseppe 18 anni e 100 milioni 2 anni e 6 mesi e 3 milioni 21 anni e 80 milioni 2 anni e 6 mesi e 3 milioni
73 Castellana Giuseppe 9 anni 6 anni e 6 mesi Ndp per morte dell’imputato
74 Castiglione Francesco Assoluzione 2 anni e 6 milioni 2 anni e 6 milioni Assolto
75 Castiglione Girolamo 18 anni e 20 milioni 8 anni e 3 milioni 15 anni e 3 milioni 8 anni e 3 milioni
76 Castillo John Vittorio 4 anni e 15 milioni 6 anni e 10 milioni
77 Castronovo Francesco 18 anni e 150 milioni 17 anni e 120 milioni
78 Catalano Onofrio 18 anni e 150 milioni 17 anni e 120 milioni Stralcio
79 Catalano Salvatore 28 anni e 200 milioni 17 anni e 120 milioni
80 Certo Francesco 9 anni e 40 milioni 5 anni e 2 milioni
81 Chiang Wing Keung 16 anni e 800 milioni 2 anni e 10 milioni 9 anni e 50 milioni 2 anni e 10 milioni
82 Chiaracane Giuseppe 6 anni Assolto Ndp per morte dell’imputato
83 Chiaracane Salvatore 9 anni 4 anni e 6 mesi 4 anni e 6 mesi 3 anni
84 Chimera Vittorio 8 anni e 60 milioni 2 anni e 6 mesi e 5 milioni 2 anni e 6 mesi e 5 milioni 1 anno e 9 mesi
85 Cillari Antonino 16 anni e 100 milioni 8 anni e 3 milioni 8 anni e 3 milioni 1 anno e 6 mesi
86 Cillari Gioacchino 16 anni e 100 milioni Assolto Assoluzione 7 anni e 6 mesi
87 Cirimina Salvatore 8 anni 6 anni e 6 mesi Assolto
88 Ciulla Antonio 20 anni e 100 milioni Assolto Ndp per morte dell’imputato
89 Ciulla Cesare 20 anni e 100 milioni Assolto 7 anni Assolto
90 Ciulla Giovanni 20 anni e 100 milioni Assolto 7 anni Assolto
91 Ciulla Giuseppe 20 anni e 100 milioni 13 anni e 50 milioni Ndp per morte dell’imputato
92 Ciulla Salvatore Assoluzione Assolto Assoluzione Assolto
93 Clemente Antonino 2 anni e 6 mesi Assolto Assoluzione Assolto
94 Colizzi Anna Amnistia Amnistia Amnistia Amnistia
95 Condorelli Domenico 18 anni e 120 milioni 15 anni e 50 milioni 24 anni e 80 milioni 15 anni e 50 milioni
96 Contorno Antonino 8 anni 2 anni e 1 mese e 2 milioni Appello inammissibile
97 Contorno Salvatore 7 anni e 30 milioni 6 anni e 10 milioni Appello inammissibile
98 Coppola Giacomo Assoluzione Assolto Assoluzione Assolto
99 Corallo Giovanni 10 anni 4 anni 7 anni 5 anni e 4 mesi
100 Corona Matteo 15 anni e 10 milioni 7 anni e 3 milioni Ndp per morte dell’imputato
101 Corona Orazio 8 anni Assolto 6 anni 5 anni e 4 mesi
102 Costantino Antonino 18 anni e 100 milioni 10 anni e 50 milioni 15 anni e 60 milioni 8 anni
103 Cristaldi Salvatore 15 anni e 80 milioni 10 anni e 50 milioni 15 anni e 60 milioni 8 anni
104 Cristaldi Venerando 10 anni 7 anni 10 anni 5 anni e 4 mesi
105 Croce Alfredo 8 anni Assolto 8 anni Assolto
106 Croce Domenico 8 anni 6 anni Ndp per morte dell’imputato
107 Croce Giorgio 8 anni Assolto 8 anni Assolto
108 Cucina Luigi 2 anni e 6 mesi 2 anni 2 anni 2 anni
109 Cucuzza Salvatore 22 anni e 160 milioni 18 anni e 10 milioni 12 anni 14 anni e 6 mesi
110 Cusimano Giovanni 16 anni e 100 milioni 16 anni e 90 milioni 20 anni e 85 milioni 5 anni e 10 mesi
111 Cusimano Pietro Assoluzione Assolto Assoluzione Assolto
112 D’Agostino Rosario 14 anni e 100 milioni Ndp
113 Dainotti Giuseppe 18 anni e 120 milioni 10 anni e 50 milioni 23 anni e 68 milioni 8 anni
114 D’Amico Baldassarre 4 anni e 10 milioni 1 anno e 4 mesi e 2 milioni Assolto
115 D’Angelo Giuseppe 10 anni 7 anni 7 anni 6 anni e 4 mesi
116 D’Angelo Mario 9 anni e 80 milioni 7 anni e 18 milioni Stralcio 7 anni e 18 milioni
117 D’Angelo Salvatore 8 anni Assolto 8 anni Assolto
118 Dattilio Sebastiano 4 anni e 10 milioni 10 anni e 6 mesi e 2 milioni 10 anni e 6 mesi e 10 milioni 10 anni e 6 mesi e 2 milioni
119 Davì Salvatore 10 anni 7 anni 7 anni 5 anni e 10 mesi
120 De Caro Carlo 6 anni 3 anni e 6 milioni
121 De Riz Pietro 5 anni e 6 mesi e 20 milioni 10 mesi e 3 milioni 2 anni e 2 mesi e 16 milioni 10 mesi e 3 milioni
122 De Simone Antonino Assoluzione Assolto Assoluzione Assolto
123 De Vardo Lorenzo 16 anni e 100 milioni Assolto
124 Di Caccamo Benedetto 8 anni 2 anni 2 anni Reato prescritto
125 Di Carlo Andrea 20 anni e 150 milioni 7 anni e 6 mesi 29 anni e 90 milioni 5 anni e 10 mesi
126 Di Carlo Giulio 18 anni e 120 milioni 7 anni e 6 mesi 29 anni e 90 milioni 5 anni e 10 mesi
127 Di Fede Francesco Assoluzione Assolto Assoluzione Assolto
128 Di Fede Lorenzo Assoluzione Assolto Assoluzione Assolto
129 Di Fresco Onofrio 18 anni e 100 milioni 10 anni e 50 milioni 22 anni e 54 milioni 7 anni
130 Di Gaetano Giovanni 19 anni e 100 milioni 8 anni 14 anni e 90 milioni 6 anni e 10 mesi
131 Di Giacomo Giovanni 18 anni e 120 milioni 16 anni e 90 milioni 7 anni e 6 mesi e 140 milioni 9 anni
132 Di Giovanni Calogero 2 anni e 6 mesi Assolto
133 Di Giuseppe Pietro Assoluzione Assolto Assoluzione Assolto
134 Di Gregorio Francesco Assoluzione Assolto Assoluzione Assolto
135 Di Gregorio Gaetano 7 anni Assolto Appello inammissibile
136 Di Gregorio Salvatore 2 anni e 3 mesi 2 anni Reato prescritto
137 Di Leo Vincenzo 11 anni e 50 milioni 9 anni e 40 milioni 9 anni e 40 milioni Assolto
138 Di Marco Salvatore 14 anni e 10 milioni 5 anni e 2 milioni 5 anni e 2 milioni 5 anni e 2 milioni
139 Di Pace Giovanni 9 anni Assolto 9 anni Assolto
140 Di Pace Giuseppe 4 anni e 20 milioni 4 anni e 10 milioni 4 anni e 10 milioni 2 anni
141 Di Pasquale Giovanni 9 anni 7 anni 7 anni 6 anni e 4 mesi
142 Di Neri Pietro 18 anni e 100 milioni Assolto 6 anni 5 anni e 4 mesi
143 Di Salvo Nicola 16 anni e 130 milioni 18 anni e 160 milioni 30 anni e 210 milioni 16 anni
144 Di Trapani Diego 9 anni 7 anni 7 anni 5 anni e 4 mesi
145 Di Trapani G. Battista Assoluzione Assolto Assoluzione Assolto
146 Durante Samuele 6 anni 4 anni e 10 milioni 2 anni e 2 mesi 1 anno e 8 mesi
147 Enea Antonino 19 anni e 100 milioni 12 anni e 60 milioni Stralcio
148 Enna Vittorio 6 anni 6 anni e 6 mesi e 10 milioni Assoluzione 4 anni
149 Ercolano Salvatore 18 anni e 150 milioni 16 anni e 90 milioni
150 Faia Salvatore 16 anni e 10 milioni 6 anni 6 anni 6 anni
151 Faldetta Luigi 9 anni 6 anni 4 anni 3 anni
152 Faraone Nicola 18 anni e 100 milioni 8 anni e 6 mesi e 40 milioni 9 anni e 27 milioni 4 anni
153 Fascella Antonino 9 anni Assolto 9 anni Assolto
154 Fascella Francesco 20 anni e 100 milioni 9 anni e 3 milioni 13 anni e 3 milioni 8 anni e 6 mesi
155 Fascella Pietro 18 anni e 100 milioni 9 anni 7 anni Assolto
156 Favuzza Gianni Assoluzione Assolto Assoluzione Assolto
157 Fazio Ignazio 12 anni e 4 milioni 6 anni e 6 mesi Assolto
158 Fazio Salvatore 18 anni e 100 milioni 7 anni 7 anni 3 anni
159 Federico Domenico 10 anni 7 anni 7 anni 5 anni e 10 mesi
160 Federico Giuseppe 7 anni Assolto 7 anni Assolto
161 Ferrera Antonino 22 anni e 100 milioni 17 anni e 120 milioni 23 anni e 95 milioni 17 anni e 120 milioni
162 Ferrera Francesco 22 anni e 100 milioni 17 anni e 120 milioni 27 anni e 95 milioni 17 anni e 120 milioni
163 Ferrera Giuseppe 22 anni e 100 milioni 22 anni e 180 milioni
164 Ficarra Giuseppe 20 anni e 100 milioni Assolto 20 anni e 100 milioni Assolto
165 Fici Giovanni 14 anni e 4 milioni 10 anni Ndp per morte dell’imputato
166 Fidanzati Antonino 16 anni e 120 milioni 9 anni e 40 milioni 21 anni e 50 milioni 9 anni e 40 milioni
167 Fidanzati Carlo 16 anni e 120 milioni 6 anni Ndp per morte dell’imputato
168 Fidanzati Gaetano 21 anni e 200 milioni 22 anni e 160 milioni 13 anni e 90 milioni 12 anni
169 Fidanzati Giuseppe 16 anni e 120 milioni 9 anni e 40 milioni 21 anni e 50 milioni 9 anni e 40 milioni
170 Fidanzati Stefano 16 anni e 120 milioni 9 anni e 40 milioni 21 anni e 50 milioni 16 anni
171 Filippone Gaetano Assoluzione Assolto Assoluzione Assolto
172 Finazzo Emanuele 4 anni e 20 milioni 3 anni e 6 mesi e 4 milioni 3 anni e 6 mesi e 4 milioni 3 anni e 6 mesi e 4 milioni
173 Fiorenza Vincenzo Assoluzione 6 anni e 6 mesi e 4 milioni 3 anni e 6 mesi e 4 milioni 3 anni e 6 mesi e 4 milioni
174 Gaeta Giuseppe 12 anni 7 anni 10 anni 7 anni
175 Gagliano Luigi 2 anni e 6 mesi 2 anni 2 anni 2 anni
176 Galeazzo Giuseppe 9 anni 6 anni
177 Gallea Bruno Maurizio 10 anni e 100 milioni Assolto
178 Gambino G. Giuseppe 18 anni e 150 milioni 18 anni e 160 milioni 24 anni e 130 milioni 16 anni
179 Gambino Giuseppe 10 anni 8 anni 8 anni e 6 mesi 3 anni
180 Gammino Gioacchino Assoluzione 3 anni e 9 milioni 3 anni e 9 milioni 2 anni
181 Gariffo Carmelo 4 anni e 10 milioni 4 anni e 10 milioni Assolto
182 Gasparini Francesco 5 anni e 30 milioni 4 anni e 6 mesi e 9 milioni
183 Gelardi Mario 4 anni e 3 mesi e 1 milione 4 anni e 10 milioni Assoluzione 3 anni
184 Geraci Antonino Ergastolo 12 anni e 3 milioni Ergastolo 7 anni
185 Gheorgulis Charalampos 12 anni e 60 milioni Assolto
186 Gherokunas Dimitrios 12 anni e 60 milioni Assolto
187 Giacalone Filippo 9 anni 8 anni Stralcio
188 Giuliano Salvatore 15 anni e 10 milioni 6 anni e 2 milioni Assolto
189 Giustolisi Antonietta 12 anni e 60 milioni Assolta Appello inammissibile
190 Grado Gaetano 22 anni e 200 milioni 17 anni e 120 milioni 24 anni e 6 mesi e 134 milioni 16 anni
191 Grado Giacomo 22 anni e 200 milioni 9 anni e 40 milioni 9 anni e 40 milioni
192 Grado Salvatore 22 anni e 200 milioni 9 anni e 40 milioni 10 anni
193 Grado Vincenzo 22 anni e 200 milioni 9 anni e 40 milioni 14 anni e 6 mesi e 50 milioni 4 anni
194 Graviano Benedetto 18 anni e 100 milioni 6 anni 20 anni e 110 milioni 5 anni e 4 mesi
195 Graviano Filippo 18 anni e 100 milioni 6 anni 20 anni e 110 milioni 5 anni e 4 mesi
196 Graviano Giuseppe 18 anni e 100 milioni 6 anni 20 anni e 110 milioni 5 anni e 4 mesi
197 Graziano Salvatore 15 anni e 80 milioni 5 anni 4 anni e 6 mesi 4 anni e 6 mesi
198 Grazioli Sergio 18 anni e 150 milioni 7 anni 15 anni e 80 milioni 7 anni
199 Greco Francesco Assoluzione Assolto Assoluzione Assolto
200 Greco Giovannello 23 anni e 200 milioni 15 anni e 1 milione 28 anni e 51 milioni 15 anni e 1 milione
201 Greco Giuseppe (di Michele) 9 anni 6 anni 6 anni 4 anni
202 Greco Giuseppe (di Salvatore) 9 anni 4 anni e 6 mesi 4 anni e 6 mesi 5 anni e 6 mesi
203 Greco Giuseppe (fu Nicolò) Ergastolo Ergastolo e 200 milioni Stralcio
204 Greco Ignazio 11 anni 6 anni 8 anni 5 anni e 4 mesi
205 Greco Leonardo 26 anni e 200 milioni 22 anni e 180 milioni Stralcio
206 Greco Michele Ergastolo Ergastolo e 200 milioni Ergastolo Ergastolo e 200 milioni
207 Greco Nicolò 18 anni e 100 milioni 7 anni 7 anni 5 anni e 10 mesi
208 Greco Salvatore (classe ’24) Assoluzione Assolto
209 Greco Salvatore (classe ’27) 28 anni e 200 milioni 18 anni e 160 milioni 24 anni e 200 milioni 6 anni
210 Greco Salvatore (classe ’33) Assoluzione Assolto
211 Guttadauro Giuseppe 9 anni Assolto Assolto
212 Iaccarino Franco Amnistia Ndp per morte dell’imputato
213 Ianni Anna 7 anni e 30 milioni Condonata
214 Ianni Giacinto 3 anni Assolto
215 Ierna Michele 12 anni e 60 milioni 5 anni e 30 milioni Stralcio Stralcio
216 Ierna Salvatore 12 anni e 60 milioni 5 anni e 30 milioni Stralcio Stralcio
217 Ignoto Francesco 7 anni Assolto 7 anni Assolto
218 Inchiappa G. Battista 11 anni 6 anni Assolto
219 Ingrassia Ignazio 18 anni e 100 milioni 9 anni e 40 milioni 26 anni e 80 milioni 14 anni e 6 mesi
220 Insinna Loreto 2 anni e 6 mesi 2 anni 2 anni 2 anni
221 Inzerillo Giuseppe 18 anni e 100 milioni Ndp per morte dell’imputato
222 Inzerillo Santo 18 anni e 100 milioni 6 anni
223 Karakonstantis Dimitrios 12 anni e 60 milioni Assolto
224 Koh Bak Kin 8 anni e 80 milioni 1 anno e 5 milioni
225 Labruzzo Mario 9 anni 7 anni 6 anni Assolto
226 Lamberti Giuseppe 18 anni e 150 milioni 17 anni e 120 milioni
227 Lamberti Salvatore 16 anni e 120 milioni 17 anni e 120 milioni
228 La Malfa Gaspare 2 anni e 8 mesi Assolto
229 La Mantia Gaspare Assoluzione Assolto Assolto
230 La Mantia Matteo Assoluzione Assolto Assolto
231 La Mantia Salvatore Assoluzione Assolto Assolto
232 La Molinara Guerino 15 anni e 80 milioni 9 anni e 40 milioni 14 anni e 70 milioni 9 anni e 40 milioni
233 Lam Sing Choi 16 anni e 800 milioni 2 anni e 10 milioni
234 La Rosa Angelo 8 anni Assolto Assolto
235 La Rosa Antonino 19 anni e 100 milioni 7 anni Assolto
236 La Rosa Francesco 8 anni Assolto
237 La Rosa Giovanni 8 anni 8 anni 8 anni 6 anni e 8 mesi
238 Lauricella Carlo 16 anni e 120 milioni 9 anni e 40 milioni Assolto
239 La Vardera Pietro 16 anni e 150 milioni 7 anni 10 anni 5 anni e 8 mesi
240 Leggio Francesco Paolo Assoluzione Assolto
241 Leggio Giuseppe 18 anni e 200 milioni 7 anni 22 anni e 100 milioni 5 anni e 8 mesi
242 Leggio Leoluca Assoluzione Assoltoi Assolto
243 Leggio Luciano 15 anni Assolto 12 anni Assolto
244 Leggio Salvatore Assoluzione Assolto Assolto
245 Licciardello Giuseppe 4 anni e 6 mesi e 400.000 lire 4 anni e 10 milioni 4 anni e 10 milioni 3 anni
246 Liistro Giovanni 4 anni e 200.000 lire Assolto
247 Lipari Giovanni 18 anni e 100 milioni 17 anni e 120 milioni 22 anni e 140 milioni 15 anni
248 Lipari Giuseppe 4 anni e 20 milioni 6 anni 6 anni 3 anni
249 Lo Cascio Gaspare 18 anni e 100 milioni 17 anni e 120 milioni 20 anni e 9 mesi e 120 milioni 7 anni e 80 milioni
250 Lo Cascio Gaspare 8 anni Assolto Assolto
251 Lo Cascio Giovanni 9 anni 5 anni 6 anni 5 anni
252 Lo Cascio Giuseppe 8 anni Assolto Assolto
253 Lo Cascio Salvatore 8 anni Assolto Assolto
254 Lo Iacono Andrea 9 anni 7 anni 7 anni 5 anni e 4 mesi
255 Lo Iacono Antonio 9 anni 17 anni e 120 milioni 22 anni e 130 milioni 5 anni e 4 mesi
256 Lo Iacono Giovanni 9 anni 7 anni 7 anni 5 anni e 4 mesi
257 Lo Iacono Pietro Ergastolo 18 anni e 160 milioni Ergastolo 4 anni
258 Lombardo Giovanni 8 anni Assolto Assolto
259 Lombardo Sebastiano Assoluzione Assolto Assolto
260 Lo Meo Costantino 9 anni 6 anni 6 anni 2 anni
261 Lo Presti Salvatore 9 anni 7 anni 7 anni 6 anni e 4 mesi
262 Lo Verde Giovanni 14 anni e 80 milioni 17 anni e 120 milioni 8 anni 4 anni
263 Lucchese Antonino 9 anni 7 anni Assolto
264 Lucchese Giuseppe Ergastolo Ergastolo e 10 milioni Ergastolo 17 anni
265 Lupo Faro 8 anni e 50 milioni 9 anni e 40 milioni 15 anni 7 anni
266 Lupo Giuseppe 4 anni e 1,5 milioni 4 anni e 10 milioni 4 anni e 10 milioni 1 anno e 6 mesi
267 Madonia Francesco Ergastolo Ergastolo e 200 milioni Ergastolo 23 anni
268 Madonia Giuseppe 18 anni e 100 milioni 7 anni 22 anni e 80 milioni 6 anni e 6 mesi
269 Madonia Salvatore 18 anni e 100 milioni 7 anni 21 anni e 80 milioni 5 anni e 4 mesi
270 Magliozzo Tommaso 16 anni e 100 milioni Assolto 9 anni 5 anni e 10 mesi
271 Magliozzo Vittorio 16 anni e 100 milioni 7 anni 16 anni 5 anni e 4 mesi
272 Mangano Vittorio 16 anni e 100 milioni 13 anni e 4 mesi e 70 milioni 13 anni e 4 mesi e 70 milioni 5 anni
273 Mangione Antonino 12 anni e 5 milioni 6 anni 8 anni e 4 milioni 6 anni
274 Maniscalco Salvatore 17 anni e 400.000 lire 25 anni e 3 milioni 30 anni e 3 milioni 24 anni e 6 mesi
275 Mannino Angelo 18 anni e 100 milioni 9 anni e 40 milioni Assolto
276 Marchese Antonino Ergastolo Ergastolo e 200 milioni Ergastolo Ergastolo e 200 milioni
277 Marchese Filippo Ergastolo Ergastolo e 200 milioni Stralcio
278 Marchese Giuseppe Ergastolo Ergastolo e 200 milioni Ergastolo 6 anni e 8 mesi
279 Marchese Mario 18 anni e 200 milioni 7 anni 25 anni e 60 milioni 16 anni
280 Marchese Rosario 9 anni 7 anni 7 anni 5 anni e 4 mesi
281 Marchese Salvino 9 anni 7 anni 7 anni 5 anni e 4 mesi
282 Marchese Santo 18 anni e 200 milioni Assolto Assolto
283 Marchese Vincenzo 16 anni e 120 milioni Assolto 9 anni 5 anni e 4 mesi
284 Marino Francesco 15 anni 8 anni e 3 milioni 8 anni e 3 milioni 7 anni e 6 mesi
285 Marino Mannoia Francesco 16 anni e 120 milioni 10 anni 11 anni e 30 milioni 17 anni
286 Marsalone Rocco 16 anni e 150 milioni 5 anni e 10 milioni 15 anni e 40 milioni 3 anni
287 Marsalone Salvatore G. 16 anni e 150 milioni 8 anni e 6 mesi e 40 milioni 15 anni e 40 milioni 6 anni e 6 mesi
288 Martello Biagio 16 anni e 100 milioni 7 anni 9 anni 6 anni
289 Martello Mario 16 anni e 100 milioni 7 anni 9 anni 6 anni
290 Massa Giuseppe 3 anni e 600 milioni 3 anni e 9 milioni Assoluzione Assolto
291 Matranga Gioacchino 10 anni e 79 milioni 9 anni e 40 milioni 15 anni e 60 milioni 7 anni
292 Matranga Giovanni 20 anni e 150 milioni 17 anni e 120 milioni 22 anni 7 anni
293 Maugeri Nicolò 18 anni e 120 milioni 17 anni e 120 milioni 21 anni e 60 milioni 5 anni e 4 mesi
294 Mazzurco Salvatore 20 anni e 200 milioni 17 anni e 120 milioni
295 Meli Giacomo 2 anni e 6 mesi 2 anni Assolto
296 Messina Edoardo 18 anni e 100 milioni Assolto 21 anni e 120 milioni 8 anni
297 Messina Pietro 2 anni e 6 mesi 2 anni e 6 mesi 2 anni e 6 mesi 2 anni
298 Migliara Carmela 2 anni e 6 mesi Assolta Assolta
299 Milano Nicolò 18 anni e 150 milioni 17 anni e 120 milioni 21 anni e 70 milioni 13 anni e 4 mesi
300 Milano Nunzio 10 anni 7 anni 7 anni 5 anni e 4 mesi
301 Milano Salvatore 8 anni 7 anni 7 anni 5 anni e 4 mesi
302 Minardo Giovanni 14 anni e 10 milioni 4 anni e 1 milione Assolto
303 Mineo Antonino Assoluzione Assolto Ndp per morte dell’imputato
304 Mineo Settimo 8 anni 7 anni 7 anni 5 anni e 4 mesi
305 Minesi Michele 3 anni e 600 milioni 3 anni e 9 milioni
306 Mistretta Filippo 18 anni e 100 milioni 9 anni e 40 milioni Assolto
307 Mistretta Rosario 9 anni 9 anni e 40 milioni 6 anni 5 anni e 4 mesi
308 Mondino Michele 22 anni e 150 milioni Assolto 6 anni Assolto
309 Montalto Giuseppe Assoluzione 25 anni e 3 milioni 9 anni 6 anni
310 Montalto Salvatore Ergastolo Ergastolo e 10 milioni 28 anni e 90 milioni 6 anni
311 Motisi Ignazio 12 anni Assolto 8 anni 3 anni e 4 mesi
312 Murabito Concetto 9 anni e 60 milioni 4 anni e 6 mesi e 40 milioni 4 anni e 6 mesi e 40 milioni 4 anni
313 Mutolo Gaspare 20 anni e 200 milioni 16 anni e 90 milioni 21 anni e 110 milioni 14 anni
314 Mutolo Giovanni 20 anni e 200 milioni 9 anni e 40 milioni 17 anni e 80 milioni 7 anni
315 Nangano Giuseppe 8 anni 6 anni 6 anni 5 anni e 10 mesi
316 Nania Filippo 10 anni 8anni 8 anni 5 anni e 10 mesi
317 Napoli Stefano 4 anni e 8 mesi 5 anni e 15 milioni 5 anni e 15 milioni 3 anni e 2 mesi
318 Nicoletti Vincenzo Assoluzione Assolto Assolto
319 Nicosia Carmelo 10 anni e 10 milioni Assolto
320 Olivieri Giovanni 15 anni e 100 milioni 9 anni e 3 mesi 12 anni e 10 milioni 3 anni
321 Pace Giuseppe Assoluzione 6 anni Assolto
322 Pace Stefano 8 anni 6 anni Assolto
323 Pace Vincenzo 8 anni 6 anni Assolto
324 Palazzolo Paolo 4 anni e 10 milioni 4 anni e 10 milioni Assolto
325 Palazzolo Saverio 4 anni e 10 milioni 4 anni e 10 milioni Assolto
326 Palmos Fotios 18 anni e 150 milioni 9 anni e 40 milioni 18 anni e 150 milioni 9 anni e 40 milioni
327 Patricola Stefano 15 anni e 100 milioni 7 anni e 6 mesi 22 anni e 80 milioni 5 anni
328 Pedone Michelangelo 14 anni e 80 milioni 5 anni e 30 milioni 21 anni e 80 milioni 14 anni
329 Perina Giovanni 12 anni e 60 milioni 4 anni e 6 mesi e 40 milioni 7 anni e 30 milioni 4 anni e 2 mesi
330 Picone Giusto Assoluzione Assolto Ndp per morte dell’imputato
331 Pilo Giovanni 9 anni 9 anni e 3 milioni 10 anni 7 anni
332 Pipitone Angelo Antonino 18 anni e 100 milioni 17 anni e 120 milioni 22 anni e 60 milioni 13 anni e 4 mesi
333 Pipitone G. Battista 4 anni e 10 milioni 4 anni e 10 milioni Assolto
334 Pipitone Vincenzo 4 anni e 10 milioni 4 anni e 10 milioni Assolto
335 Polizzi Francesco 16 anni e 120 milioni 9 anni e 40 milioni
336 Prestifilippo Giovanni (classe ’27) 9 anni Assolto Assoluzione 5 anni e 4 mesi
337 Prestifilippo Giovanni (classe ’21) 22 anni e 180 milioni 17 anni e 120 milioni 24 anni e 140 milioni 11 anni e 6 mesi
338 Prestifilippo Girolamo 9 anni Assolto Assolto
339 Prestifilippo Giuseppe 9 anni 8 anni e 3 milioni 21 anni e 80 milioni 5 anni e 6 mesi
340 Prestifilippo Mario G. Ergastolo Ndp per morte dell’imputato
341 Prestifilippo Nicola 9 anni 8 anni 8 anni 5 anni e 4 mesi
342 Prestifilippo Salvatore 16 anni e 150 milioni 17 anni e 120 milioni 22 anni e 120 milioni 16 anni e 6 mesi
343 Prestifilippo Santo 9 anni Assolto Ndp per morte dell’imputato
344 Procida Salvatore 18 anni e 100 milioni 8 anni e 6 mesi e 40 milioni 9 anni e 27 milioni 4 anni
345 Profeta Salvatore 10 anni 6 anni 6 anni Assolto
346 Provenzano Bernardo Ergastolo Ergastolo e 200 milioni Ergastolo 10 anni
347 Provenzano Salvatore 9 anni 6 anni Assolto
348 Puccio Antonino 9 anni 6 anni Ndp per morte dell’imputato
349 Puccio Pietro 9 anni 6 anni Ndp per morte dell’imputato
350 Puccio Vincenzo 9 anni 10 anni Ndp per morte dell’imputato
351 Pullarà Giovambattista Ergastolo Ergastolo e 200 milioni Ergastolo Ergastolo e 200 milioni
352 Pullarà Ignazio 18 anni e 150 milioni 10 anni e 50 milioni 15 anni e 70 milioni 9 anni
353 Raccuglia Cosmo 14 anni e 2 milioni 12 anni e 3 milioni Ndp per morte dell’imputato
354 Rancadore Domenico Assoluzione Assolto Appello inammissibile
355 Rancadore Giuseppe 18 anni e 100 milioni Assolto 21 anni e 90 milioni 5 anni e 4 mesi
356 Randazzo Faro 2 anni e 4 mesi Assolto
357 Randazzo Giuseppe 4 anni e 6 mesi e 1,5 milioni 4 anni e 4 milioni 4 anni e 4 milioni 3 anni
358 Randazzo Salvatore 9 anni 6 anni 6 anni 2 anni
359 Randazzo Vincenzo 24 anni e 100 milioni Assolto 24 anni e 100 milioni 7 anni e 30 milioni
360 Rapisarda Giovanni 15 anni e 60 milioni 8 anni e 12 milioni 15 anni e 52 milioni 7 anni e 6 mesi
361 Riccobono Rosario Ergastolo Ergastolo e 200 milioni Ndp per morte dell’imputato
362 Riela Saverio 9 anni e 60 milioni 5 anni e 30 milioni 5 anni e 30 milioni 4 anni
363 Riina Giacomo 16 anni e 150 milioni 7 anni e 6 mesi 22 anni e 100 milioni 5 anni e 4 mesi
364 Riina Salvatore Ergastolo Ergastolo e 200 milioni Ergastolo Ergastolo e 200 milioni
365 Rizza Salvatore 2 anni e 3 mesi 2 anni 2 anni 2 anni
366 Rizzuto Salvatore 9 anni 7 anni 7 anni 6 anni
367 Romano Pietro 7 anni Assolto Assolto
368 Rotolo Antonino 21 anni e 180 milioni 18 anni e 160 milioni Stralcio
369 Rotolo Salvatore Ergastolo Ergastolo e 200 milioni Ergastolo Ergastolo e 200 milioni
370 Russo Domenico 14 anni e 80 milioni 17 anni e 120 milioni Ndp per morte dell’imputato
371 Salerno Luigi Assoluzione Assolto Assolto
372 Salvo Ignazio 9 anni 7 anni 9 anni 3 anni
373 Sangiorgi Gaetano Assoluzione Assolto
374 Sansone Rosario 8 anni 7 anni Ndp per morte dell’imputato
375 Santapaola Benedetto Ergastolo Ergastolo e 200 milioni Ergastolo Ergastolo e 200 milioni
376 Sardina Mercurio Assoluzione Assolto
377 Savoca Carmelo 9 anni e 60 milioni 4 anni e 40 milioni 9 anni e 60 milioni 5 anni e 4 mesi
378 Savoca Giuseppe 21 anni e 200 milioni 22 anni e 180 milioni 25 anni e 6 mesi e 240 milioni 21 anni e 6 mesi
379 Savoca Salvatore Assoluzione Assolto Assolto
380 Savoca Vincenzo 9 anni Assolto 8 anni 5 anni e 4 mesi
381 Scaduto Giovanni 10 anni 4 anni 9 anni 4 anni
382 Scaglione Salvatore Ergastolo 23 anni e 200 milioni Stralcio
383 Scalia Giuseppe Assoluzione Assolto Ndp per morte dell’imputato
384 Scavone Gaetano 18 anni e 100 milioni 7 anni Assolto
385 Schiavo Carlo 15 anni e 15 milioni 5 anni e 1 milione Ndp per morte dell’imputato
386 Sciarabba Calcedonio 16 anni e 150 milioni Assolto Ndp per morte dell’imputato
387 Sciarabba Giusto 16 anni e 150 milioni Assolto Assolto
388 Scrima Francesco 9 anni 7 anni 7 anni 5 anni e 10 mesi
389 Senapa Pietro Ergastolo Ergastolo e 200 milioni Ergastolo Ergastolo e 200 milioni
390 Serra Carlo 14 anni e 100 milioni 7 anni e 40 milioni 3 anni
391 Sinagra Antonino Ergastolo Ergastolo e 10 milioni Ergastolo Ergastolo e 10 milioni
392 Sinagra Francesco Paolo 4 anni e 10 milioni 5 anni e 15 milioni 3 anni e 2 mesi
393 Sinagra Vincenzo Ergastolo Ergastolo e 10 milioni Ergastolo Ergastolo e 10 milioni
394 Sinagra Vincenzo 22 anni e 30 milioni 21 anni e 10 milioni 21 anni e 10 milioni 19 anni
395 Sorce Vincenzo 9 anni 7 anni 7 anni 4 anni
396 Soresi Giuseppe 18 anni e 150 milioni 5 anni e 30 milioni 18 anni e 150 milioni 9 anni
397 Soresi Natale Assoluzione Assolto Assolto
398 Spadaro Antonino 4 anni e 10 milioni 4 anni e 10 milioni 4 anni e 10 milioni Assolto
399 Spadaro Francesco (classe ’58) Ergastolo Ergastolo e 10 milioni Ergastolo Ergastolo e 10 milioni
400 Spadaro Francesco (classe ’62) 10 anni e 80 milioni Assolto Assolto
401 Spadaro Giuseppe 9 anni 7 anni 7 anni 6 anni e 6 mesi
402 Spadaro Tommaso 22 anni e 180 milioni 22 anni e 180 milioni 22 anni e 180 milioni 21 anni e 6 mesi
403 Spadaro Vincenzo 16 anni e 140 milioni 17 anni e 120 milioni 17 anni e 120 milioni 11 anni e 6 mesi
404 Spataro Benedetto 8 anni e 40 milioni Assolto
405 Spina Giuseppe 10 anni e 50 milioni 3 anni e 6 mesi e 25 milioni Assoluzione 2 anni
406 Spina Raffaele 8 anni 7 anni 9 anni 4 anni
407 Spinoni Giuseppe 8 anni e 150 milioni 4 anni e 6 mesi 4 anni e 6 mesi 4 anni
408 Spitaleri Rosario 9 anni 7 anni Assolto
409 Tagliavia Pietro 18 anni e 100 milioni 7 anni 24 anni e 80 milioni 6 anni
410 Taormina Giovanni 8 anni 6 anni 6 anni 3 anni
411 Teresi Carlo 18 anni e 100 milioni Assolto Ndp per morte dell’imputato
412 Teresi Carlo 18 anni e 100 milioni Assolto Assolto
413 Teresi Francesco 8 anni Assolto 7 anni 3 anni
414 Teresi Giovanni 8 anni 8 anni 8 anni 8 anni
415 Testa Vittorio Amnistia 6 mesi
416 Theodoru Cristos Assoluzione Assolto Assolto
417 Tinervia Giacomo 4 anni e 10 milioni Assolto
418 Tinnirello Antonino 7 anni e 300.000 lire 2 anni 7 anni Assolto
419 Tinnirello Benedetto 9 anni e 6 mesi e 500.000 lire 9 anni e 3 milioni 9 anni e 3 milioni 3 anni
420 Tinnirello Gaetano 22 anni e 150 milioni 9 anni e 3 milioni Ergastolo e 3 milioni 9 anni e 3 milioni
421 Tinnirello Giuseppe 9 anni 7 anni Assolto
422 Tinnirello Lorenzo Assoluzione Assolto
423 Tinnirello Lorenzo Ergastolo 10 anni e 3 milioni 12 anni e 6 mesi 7 anni
424 Tinnirello Michelangelo Assoluzione Assolto
425 Tinnirello Vincenzo Assoluzione Assolto Assolto
426 Torrisi Orazio 9 anni e 60 milioni 4 anni e 6 mesi e 2 milioni 12 anni e 40 milioni 4 anni
427 Totta Gennaro 3 anni e 6 mesi e 30 milioni 2 anni e 8 mesi e 14 milioni 2 anni e 8 mesi 2 anni
428 Trapani Nicolò 11 anni e 60 milioni 4 anni e 6 mesi e 2 milioni 12 anni e 40 milioni 4 anni
429 Ulizzi Giuseppe 6 anni 7 anni Assolto
430 Urso Giuseppe 18 anni e 100 milioni 7 anni Assolto
431 Vara Ciro 2 anni e 6 mesi 2 anni 2 anni 2 anni
432 Varrica Carmelo 2 anni e 6 mesi 2 anni e 6 mesi 2 anni e 6 mesi 2 anni
433 Varrica Franco 2 anni e 6 mesi 2 anni e 6 mesi 2 anni e 6 mesi 2 anni e 6 mesi
434 Vassallo Andrea 7 anni 5 anni 5 anni 3 anni
435 Venturis Joannis Assoluzione Assolto
436 Vernengo Antonino 22 anni e 200 milioni 16 anni e 90 milioni 24 anni e 80 milioni 16 anni e 90 milioni
437 Vernengo Cosimo 18 anni e 150 milioni 7 anni 26 anni e 80 milioni 9 anni
438 Vernengo Giuseppe 18 anni e 120 milioni 18 anni 24 anni e 200 milioni 6 anni e 6 mesi
439 Vernengo Giuseppe 19 anni e 150 milioni 18 anni e 160 milioni 18 anni e 80 milioni 9 anni
440 Vernengo Luigi 18 anni e 120 milioni 7 anni Assolto
441 Vernengo Pietro Ergastolo Ergastolo e 200 milioni Ergastolo Ergastolo e 200 milioni
442 Vernengo Ruggero 18 anni e 120 milioni 14 anni e 70 milioni 16 anni e 100 milioni 4 anni
443 Vessichelli Antonino 18 anni e 100 milioni 8 anni e 6 mesi e 40 milioni 15 anni e 86 milioni 6 anni
444 Viola Giuseppe 4 anni e 10 milioni 2 anni e 2 mesi e 2 milioni 2 anni e 2 mesi e 2 milioni 2 anni e 2 mesi e 2 milioni
445 Vitale Giuseppe 7 anni e 20 milioni 5 anni e 3 milioni
446 Vitale Gregorio 10 anni e 70 milioni Assolto Assolto
447 Vitale Paolo 3 anni 2 anni 2 anni Reato prescritto
448 Vitrano Arturo Assoluzione Assolto Assolto
449 Zanca Carmelo Ergastolo 18 anni e 160 milioni 30 anni e 200 milioni 13 anni
450 Zanca Emanuele Assoluzione Assolto Assolto
451 Zanca Giovanni 9 anni 7 anni 7 anni Assolto
452 Zanca Giovanni 14 anni e 80 milioni 14 anni e 12 milioni 14 anni e 12 milioni 5 anni e 4 mesi
453 Zanca Giuseppe 18 anni e 150 milioni 15 anni e 30 milioni 15 anni e 300 milioni 6 anni
454 Zanca Onofrio 18 anni e 150 milioni 7 anni Assolto
455 Zanca Pietro 9 anni e 2 milioni 9 anni e 3 milioni 12 anni e 2 milioni 7 anni
456 Zanca Pietro 9 anni e 2 milioni Assolto 6 anni Assolto
457 Zanca Salvatore Assoluzione Assolto Assolto
458 Zarcone Giovanni 10 anni e 70 milioni 9 anni e 40 milioni 14 anni e 100 milioni 8 anni
459 Zerbetto Alessandro 3 anni e 6 mesi e 25 milioni 2 anni e 8 mesi e 14 milioni 2 anni e 8 mesi e 14 milioni Assolto
460 Zito Benedetto 16 anni e 150 milioni 9 anni e 40 milioni 20 anni e 100 milioni 9 anni e 40 milioni

Advertisements

A DELLE FEMMINE NELLA SPORCIZIA E NEL DEGRADO 17 agosto 2013

ISOLA DELLE FEMMINE NELLA SPORCIZIA E NEL DEGRADO
Seguendo la costa verso il trapanese a pochissimi
chilometri da Isola delle Femmine passando da Castellamare  si giunge alla Baia dello Zingaro (riserva naturale protetta) ancora qualche chilometro e siamo a San Vito Lo Capo.
La prima considerazione che ci viene da fare!
Siamo in un altro mondo eppure abbiamo percorso soltanto qualche chilometro.
Come è possibile ciò?
L’esaltazione del luogo per la sua meravigliosa spiaggia -PULITA-, efficienza e disponibilità dei servizi per gli “ospiti”, della pulizia delle strade (ogni angolo di strada un cestino con uno spazio riservato per le cicche di sigarette, le spiagge attrezzate con ombrelloni e sdrai prendi sole, -Nessuna CABINA sull’arenile- servizio d’accesso al mare per i “diversamente abili”, la gentilezza dei negozianti, l’organizzatissimo servizio   parcheggio auto, una capacità ricettiva alberghiera sufficiente a soddisfare qualsiasi esigenza.
Difficilissimo trovare per strada un pezzo di carta, il furgone servizio raccolta rifiuti è funzionante durante tutto l’arco della giornata provvede a tenere PULITISSIME TUTTE le strade del paese e lungo la passeggiata a mare.
Il servizio di vigilanza impedisce e a volte “sancisce” il solito ineducato e sporcaccione che butta la carta per terra e no negli appositi cestini, come anche la cicca di sigaretta.
Le forze dell’ordine che controllano e presidiano quotidianamente il territorio sono una garanzia e una sicurezza per gli “ospiti” di San Vito
Insomma una capacità d’accoglienza e un rispetto delle regole, e del vivere civile non solo per gli “ospiti” ma di se stessi come persone e come cittadini.
Una capacità e un rispetto in cui TUTTI Cittadini Scuole Chiese Comune Amministrazione Sindaco Assessori Consiglieri Comunali Vigili Urbani Carabinieri Commercianti Operatori Turistici:  Tutti sono responsabilmente coinvolti e rispettosi delle regole che si sono dati.
Mi chiedo com’è mai possibile che a solo pochi chilometri da Isola delle Femmine possa esistere un siffatta realtà TURISTICA?
Molti dicono: sono i Cittadini ineducati, incivili sporchi disordinati…….
Sarà pur vero ciò, ma la risposta non mi convince!
Forse una possibile risposta la possiamo ritrovare nel fatto che i Cittadini di Isola delle Femmine, ormai, hanno perso ogni punto di riferimento.
La prima frontiera con cui il Cittadino si confronta: L’amministrazione Sindaco, Assessori Consiglieri ASSENTE.
Più precisamente:
un’Amministrazione che ha assunto comportamenti ed adottato conseguenti provvedimenti nell’intento di favorire gli interessi economici sul territorio di soggetti collegati più o meno da vicino a personalità orbitanti negli ambienti della criminalità organizzata locale…”
“….. forme di CONDIZIONAMENTO tale da determinare  un’alterazione del procedimento di formazione della volontà degli organi elettivi ed amministrativi dell’Ente civico e da comprometterne il BUON ANDAMENTO, l’IMPARZIALITA’, e il REGOLARE funzionamento dei SERVIZI ad essi affidati, ovvero che risultino arrecare in modo PERMANENTE GRAVE pregiudizio alle condizioni della sicurezza pubblica….”
In siffatta situazione, è chiaro che ad Isola delle Femmine, vi è stato un venir meno del rispetto delle REGOLE.
Gli amministratori, Sindaco Assessori Consiglieri affaristi mafiosi sono stati per prima degli ottimi insegnati!
Il mancato rispetto delle REGOLE accompagnato ad un mancato presidio del territorio ha creato, ad Isola delle Femmine, le condizioni per una ILLEGALITA’ diffusa che hanno permeato ormai buona parte della Comunità.
Così che ad Isola delle Femmine si giunge: a fare ognuno i CAZZI propri fregandosene di chi mi sta accanto e confidando sempre IN UNA sorta, anzi CERTEZZA di:
IMPUNITA’    
Tanto, chi mi tocca?
Tanto, chi può dirmi alcunché?
Tanto, ho l’amico che…..
Tanto, IO SONO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Così che si è distrutta la Comunità di Isola delle Femmine, urbanisticamente, moralmente, socialmente economicamente
Sono stanco di sentirmi dire il Paese…… (che non è Isola delle Femmine) è pulito sistemato bello ordinato pittoresco educato organizzato colorato……….
Pino Ciampolillo

Cairo, cecchini sparano contro i soccorritori

Mentre un uomo cerca di soccorrere un giovane nei pressi della moschea di Rabiah in Egitto finisce nel mirino dei cecchini.
http://lastampa.it/2013/08/16/multimedia/esteri/i-soccorritori-vengono-sparati-dai-cecchini-QbWlijiidd5DO9VvLe54mL/pagina.html

Perizia ProcePerizia proced. 9916 2011 Anza Ciampolillo CTU D’Agostino Fabiod. 9916 2011 Anza Ciampolillo CTU D’Agostino Fabio

Perizia ProcePerizia proced. 9916 2011 Anza Ciampolillo CTU D’Agostino Fabiod. 9916 2011 Anza Ciampolillo CTU D’Agostino Fabio

 

Perizia ProcePerizia proced. 9916 2011 Anza Ciampolillo CTU D’Agostino Fabiod. 9916 2011 Anza Ciampolillo C… by Pino Ciampolillo

Tutto esaurito a Isola delle Femmine 14 agosto 2013

Tutto esaurito a Isola delle Femmine 14 agosto 2013


Ricovero di fortuna per le migliaia di TURISTI che stanno “invadendo” Isola delle Femmine.
Gli ultimi turisti giunti Nella località marinara Isola delle Femmine, sono costretti a ricorrere ad una sistemazione di fortuna per trascorrere la giornata di ferragosto.
Gli alberghi della zona Sono pieni sino all’inverosimile, nelle halls degli alberghi Isolani  sono  esposti   i cartelli che avvisano:“tutto pieno” .
La giornata si annuncia RICCA di sorprese e divertimenti per la MIRIADE di turisti che continuano a giungere nel nostro BELLISSIMO PULITISSIMO ORDINATISSIMO OSPITALISSIMO Nostra borgata di PESCATORI

Tutto esaurito a Isola delle Femmine 14 agosto 2013

Tutto esaurito a Isola delle Femmine 14 agosto 2013


Ricovero di fortuna per le migliaia di TURISTI che stanno “invadendo” Isola delle Femmine.
Gli ultimi turisti giunti Nella località marinara Isola delle Femmine, sono costretti a ricorrere ad una sistemazione di fortuna per trascorrere la giornata di ferragosto.
Gli alberghi della zona Sono pieni sino all’inverosimile, nelle halls degli alberghi Isolani  sono  esposti   i cartelli che avvisano:“tutto pieno” .
La giornata si annuncia RICCA di sorprese e divertimenti per la MIRIADE di turisti che continuano a giungere nel nostro BELLISSIMO PULITISSIMO ORDINATISSIMO OSPITALISSIMO Nostra borgata di PESCATORI

Gdf scopre palestra ‘travestita’ da associazione sportiva dilettantistica: frode fiscale da 1,5milioni di euro

Gdf scopre palestra ‘travestita’ da associazione sportiva dilettantistica: frode fiscale da 1,5milioni di euro

NOVARA, 12 AGO – ‘Spacciavano’, stando alle indagini condotte dai finanzieri di Novara, una vera e propria palestra sotto le mentite spoglie di un’associazione sportiva dilettantistica, ma sono stati scoperti.

L’episodio è successo nell’hinterland novarese. Questa tipologia di associazioni, spiegano dalle Fiamme Gialle, “gode di notevoli agevolazioni fiscali, consistenti in una sostanziosa riduzione degli adempimenti contabili, nel pagamento forfaittario delle imposte, nonché nella possibilità di erogare in completa esenzione fiscale compensi ai collaboratori, sino a 7.500 euro annui”.
A tradire i contribuenti infedeli, tuttavia, è stato un controllo in materia di lavoro sommerso operato dalle Fiamme Gialle della Compagnia di Novara, a seguito del quale, spiega la stessa Finanza, “venivano individuati ben 35 lavoratori irregolari che – a vario titolo – collaboravano con i due gestori”.
Inevitabile, a quel punto, anche l’approfondimento dei profili fiscali dell’attività sportiva.

L’attività ispettiva ha permesso di appurare che l’associazione, “che affermava di essere destinata a promuovere l’attività sportiva senza alcun scopo di lucro, occultava di fatto una vera e propria attività commerciale”.

I militari hanno quantificato le reali entrate della palestra incrociando i dati rinvenuti nella contabilità “in nero” rinvenuta nell’abitazione privata di uno dei gestori con l’elenco dei frequentatori della palestra, “abusivamente qualificati come “soci””.
L’indagine fiscale si è conclusa con la constatazione di elementi positivi distratti all’imposizione per 1.200.000 euro, e 251.000,00 di Iva evasa.

I gestori sono stati, inoltre, deferiti alla Procura della Repubblica di Novara per la fattispecie criminosa tributaria di “omessa e infedele dichiarazione”. “La specifica attività – commenta il comandante provinciale delle Fiamme Gialle novaresi, colonnello Giovanni Casadidio – si inquadra nelle iniziative intraprese dal Corpo non solo per contrastare l’evasione fiscale, ma anche da preservare da fenomeni di concorrenza sleale gli operatori leali e ossequiosi delle norme”.

Monica Curino

Il Consigliere Dionisi nella seduta del Consiglio Comunale del 18 maggio 2012, a proposito della gestione di un BENE PUBBLICO da parte della Body Center riconduicibile a parenti vicini all’assessore DOTTORE Riso Napoleone, afferma
Allegato: Delibera c.c. n.20.pdf (64 kb) File con estensione pdf

“… In data 26/7/1994 è stato affidato l’impianto ad una società sportiva la Body Center di cui l’Assessore faceva parte con l’attuale moglie. Il canone allora previsto era una miseria. Faccio presente che la palestra è stata affittata ad un canone di £. 2.400.000 annuo ed il campo sportivo per £. 1.200.000 annuo. Non mi sembra che da allora sino ad oggi la palestra sia stata aperta ai cittadini di Isola a titolo gratuito anzi sono in possesso di bollettini della finanziaria Fidi Italia che già nel 1999/2000 si pagava £.40.000 al mese.

Non si spiega perché non c’è nella convenzione come mai la palestra sia stata collegata ad uno spogliatoio del campo comunale che è diventato parte integrante della palestra.

Voglio sapere se sono state chieste le autorizzazioni comunali alla sovrintendenza per questo accorpamento, e poi vorrei sapere come mai è stato lasciato libero il campo sportivo dopo che lo aveva in concessione; presumo per mancanza di acquirenti.

Non mi risulta che in base a questa convenzione e al vecchio regolamento sia stato pagato il consumo di acqua e luce per ben 18 anni, ma sicuramente lo abbiamo pagato tutti i cittadini di Isola delle Femmine. Sicuramente la mia proposta di Regolamento e l’emendamento integrativo hanno dato fastidio.

Come ha detto il Capogruppo il Regolamento proposto è farraginoso ma sicuramente è stato predisposto nell’interesse dei cittadini di Isola delle Femmine perché prevede a favore delle casse comunali un canone annuo di € 18.000 per la palestra e € 6.000 per il campo sportivo.

Sicuramente oggi mi sarei aspettato un dibattito sui canoni ma non di sentirmi dire che il mio impegno nel proporre questo argomento, cosa che non rovisto fare a nessun altro Consigliere, sia stato inutile e di scarsa copiatura.

Sono fiero di aver fatto “copia e incolla” di due regolamenti di impianti sportivi di altre due cittadine della nostra Regione dove i canoni gestionali sono aderenti alla realtà dei costi privati e dove è previsto che i cittadini di Isola non debbano più pagare l’acqua e la luce degli impianti sportivi sino ad ora gestiti dalla Body Center.

Per tali motivi, chiedo al Presidente del Consiglio che trasmetta tutto il carteggio inerente alla gestione degli impianti sportivi al Procuratore della Repubblica di Palermo affinché verifichi quanto da me esposto.”

Allegato: allegato Delibera cc n.20.pdf (183 kb) File con estensione pdf

Da una ricerca effettuata presso l’Ufficio Tecnico Comunale “sembra” che NESSUN atto autorizzatorio sia stato concesso per l’accorpamento degli spogliatoi con la palestra della Body Center. Al fine di non ingenerare dubbi  e perplessità sulla liceità di quanto “costruito”, da parte della Body Center, chiediamo alla direzione della stessa  di voler rendere pubblico l’atto in questione.
Durante la seduta del Consiglio Comunale del 18 maggio 2012 à stata lanciata un’accusa precisa e circostanziata nei confronti dell’Assessore allo sport il dottore Riso Napoleone.

L’utilizzo di un BENE PUBBLICO a fini di lucro personale  e di famiglia.

Bene ha fatto l’Assessore a preannunciare una sua querela nei confronti del Consigliere Dionisi. 

Ad OGGI “SEMBRA” !  che nessuna querela sia stata presentata. 
Dar credito a quanto di illegale sarebbe stato perpetrato ai danni della Comunità di Isola delle Femmine,  sarebbe cosa di una gravità inaudita e potrebbero ravvedersi in tale condotta   ipotesi di reati di varia natura.   
Pino Ciampolillo
ARGOMENTI CORRELATI:

LE MANCATE RISPOSTE DEL PROFESSORE AL CONSIGLIERE DIONISI VINCENZO

 

 

Il Cons. Dionisi “più che della risposta si dichiara insoddisfatto dei numeri citati, in quanto basta fare una sottrazione ed è evidente che siamo sotto di circa 526.000,00 € e mi chiedo, allora,

quante persone di Isola non pagano la TARSU e di questi quanti esercizi commerciali nel 2011 non hanno pagato la TARSU.

Quanti esercenti che hanno in gestione i tratti dell’arenile non pagano la TARSU?

Ma, per giusta regola e per dignità morale, dovremmo chiederci particolarmente noi Consiglieri che abbiamo aumentato la TARSU se noi per primi l’abbiamo pagata nel 2011, perché se così non è non sarebbe giusto nei confronti dei cittadini che pagano regolarmente.

Non è giusto che gli evasori producano altra spazzatura, tant’è che il Comune di Palermo ha avviato diversi controlli negli esercizi pubblici e sui gestori di arenili per vedere chi paga e tasse o meno.


Questa sarebbe l’efficienza di un Comune perché se continuiamo a non fa pagare la tassa agli evasori, oltre che essere complici, non riusciamo neanche a pagare i costi essenziali sostenuti dall’ATO PA1. nel bilancio 2012 si avrà, di conseguenza, un ammanco di oltre 500.000,00 €, né è corretto sostenere che le somme non introitate risultino comunque iscritte a ruolo, stante che chi gestisce un’attività deve pagare regolarmente le tasse.”
IL PROFESSORE NELLA Sua risposta al consigliere DIONISI non ha risposto alle seguenti domande:
1) Quante persone a Isola delle Femmine non hanno pagato la TARSU nel 2011?
Ove risultasse veritiera tale affermazione può il PROFESSORE dire ai Suoi Concittadini CHI sono  le persone che  NON hanno PAGATO la TARSU nell’anno 2011?
2) Quanti ESERCIZI COMMERCIALI non hanno pagato la TARSU nell’anno 2011?
Ove risultasse veritiera tale affermazione può il PROFESSORE dire ai Suoi Concittadini CHI sono gli esercizi commerciali  che  NON hanno PAGATO la TARSU nell’anno 2011?
3) Quanti esercenti dei solarium  poste sui tratti dell’arenile non hanno pagato la TARSU nell’anno 2011?
Ove risultasse veritiera tale affermazione può il PROFESSORE dire ai Suoi Concittadini CHI sono gli esercenti dei solarium posti sui tratti di arenile di Isola delle Femmine   NON hanno PAGATO la TARSU nell’anno 2011?
4) Il Consigliere di maggioranza geom. DIONISI nella Sua replica  che  dichiara insoddisfacente  della risposta  data dal PROFESSORE parla di:  CONSIGLIERI COMUNALI che “presumibilmente” non hanno pagato la TARSU nell’anno 2011.
Ove risultasse veritiera tale affermazione può il PROFESSORE dire ai Suoi Concittadini CHI SONO QUESTI CONSIGLIERI COMUNALI che NON hanno PAGATO la TARSU relativa all’anno 2011?  (per non parlare degli anni precedenti)

Delibera c.c. n.21.pdf (57 kb) File con estensione pdf
allegato Delibera cc n.21.pdf (86 kb) File con estensione pdf

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE NEMMENO IN  QUESTI GIORNI DI PRESENZA DELLA COMMISSIONE DI ACCESSO AGLI ATTI  VI DEGNATE DI PULIRE SAREBBE FORSE UNA FORMA DI RISPETTO E DI buona ACCOGLIENZA.

non trova PROFESSORE?

PROFESSORE PROBABILMENTE SARA’ INFORMATO CHE QUOTIDIANAMENTE DA OLTRE UN MESE GIORNALMENTE SALGONO E SCENDONO I COMPONENTI DELLA COMMISSIONE DI ACCESSO AGLI ATTI.
Questo smentisce ciò che Lei e i suoi fedelissimi vaneggiate “ non troveranno nulla io sono pulito”
INGRESSO DEL PAESE DI ISOLA DELLE FEMMINE 12  GIUGNO 2012

LA STAZIONE DI ISOLA DELLE FEMMINE 12 GIUGNO 2012

MUNNEZZA  EDICOLA ABITAZIONI RISTORANTE ALLA STAZIONE DI ISOLA DELLE FEMMINE 12 GIUGNO 2012

LA STAZIONE DI ISOLA DELLE FEMMINE 12 GIUGNO 2012

INGRESSO DELLA BANCA DEL POPOLO A ISOLA DELLE FEMMINE 12 GIUGNO 2012

UNA CITTADINA SI DESTREGGIA FRA LA MUNNEZZA DI ISOLA 12 GIUGNO 2012

INGRESSO DEL PAESE DI ISOLA DELLE FEMMINE  SCUOLA MEDIA E MAXIM BAR
12  GIUGNO 2012

MUNNEZZA  EDICOLA ABITAZIONI RISTORANTE ALLA STAZIONE DI ISOLA DELLE FEMMINE 12 GIUGNO 2012

INGRESSO DEL PAESE DI ISOLA DELLE FEMMINE  SCUOLA MEDIA E MAXIM BAR

12  GIUGNO 2012

CLIENTE  CHE  LIBERA INGRESSO DELLA BANCA DALLA MUNNEZZA 12 GIUGNO 2012

 INGRESSO DELLA BANCA DEL POPOLO A ISOLA DELLE FEMMINE 12 GIUGNO 2012
INGRESSO  DEL CONDOMINIO IN VIA ROMA ISOLA DELLE FEMMINE 12 GIUGNO 2012  

LA GIMKANA TRA LA MUNNEZZA  DELL’AUTOMOBILISTA A ISOLA DELLE FEMMINE 12 GIUGNO 2012

 PANE E MUNNEZZA 12 GIUGNO 2012

A QUESTO PUNTO DI FRONTE A QUESTO  SCEMPIO ambientale che mette a rischio la salute dei cittadini.
CONTRO QUESTO SISTEMA DI ILLEGALITA’ DI FAVORITISMI PER AMICI E PARENTI QUESTO PERENNE DISSERVIZIO A FRONTE DEI TRIBUTI VERSATI DA CITTADINI ONESTI E RESPONSABILI L’INVITO ALL’INTERA CITTADINANZA AD UNA

VIBRATA PROTESTA  INVITO ALLA DISOBBEDIENZA CIVILE.

COME DICE IL PROFESSORE PAGARE PER IL SERVIZIO RESO!

NESSUN SERVIZIO NESSUN TRIBUTO!

 

BASTA CON IL SILENZIO URLIAMO FORTE IL NOSTRO DISAPPUNTO!

 

CHIEDIAMO LE IMMEDIATE DIMISSIONI DI CHI NON HA MANTENUTO LE PROMESSE ELETTORALI.

CHIEDIAMO LE DIMISSIONI DELL’INTERA AMMINISTRAZIONE CHE DELLA POLTICA AMBIENTALE NE AVEVA FATTO IL PROPRIO VESSILLO

avete fallito avete fallito avete fallito !!!!!!!!!!

Pino Ciampolillo

IL GIUDICE DELLE INDAGINI PRELIMINARI SILVANA SAGUTO  IL 15 NOVEMBRE 2010 

…… .condivise sul punto le osservazioni dell’opponente sia in 

ordine alla ILLEGITTIMITA’ della PARTECIPAZIONE del 

SINDACO alla C.E.C. sia alla mancata astensione da parte 

della stessa dal prendere parte alla DISCUSSIONE sino alla 

VOTAZIONE di delibere riguardanti gli INTERESSI propri 

nonchè di PARENTI o di affini fino al 4° grado…….




……a cui vanno aggiunti altresì i rilievi della 

CONSULENZA disposta dal P.M. che ha affermato la 

ILLEGITTIMITA’ della CONCESSIONE edilizia relativa 

all’abitazione del RISO sita all’intyerno del piano di 

lottizzazione “LA PALOMA” ………


……Dispone che il P.M. formuli, entro dieci giorni, 

l’IMPUTAZIONE dei confronti di RISO NAPOLEONE

PORTOBELLO GASPARE in ordine ai REATI di cui agli 

art 323 e 328 c.p……..






….vi faccio pagare i danni morali……vi arriverà la parcella
dell’avvocato perchè i soldi dei miei figli non si toccano…. vi dovete
dimettere perchè la mozione di sfiducia nei miei confronti è stat respinta dal
TAR ed avete procurato un danno al Comune… avete speculato con il PRG e ve la
vedete con la Procura …. avete girato con le carte del PRG ed ora i cittadini
vengono a ringraziarvi…. 



Urlando forte e chiaro
CONTRO..



” Se mi denunci ti faccio saltare in aria Ti faccio
vedere chi sono io” La coerenza politica non abita nelle loro coscienze, come
dimostrano anche diversi atti che hanno approvato a colpi di maggioranza e che
il tempo implacabile valuterà……..di valutare se fossero esistiti i
presupposti per richiedere un risarcimento danni morali per calunnia e
diffamazione sia per me che per il Vice Presidente del
Consiglio…….



” salvo che il fatto non costituisca un più grave reato, il
pubblico ufficiale o l’incaricato di pubblico servizio che, nello svolgimento
delle funzioni o del servizio, in violazioni di norme di legge o regolamento,
ovvero omettendo di astenersi in presenza di un interesse proprio o di un
prossimo congiunto o negli altri casi prescritti, intenzionalmente procura a sè o ad altri un ingiusto
vantaggio patrimoniale ovvero arreca ad altri un danno ingiusto
è punito
con la reclusione da sei mesi a tre anni. 

La pena è aumentata nei casi in cui il
vantaggio o il danno hanno un carattere di rilevante gravità”









LICENZA EDILIZIA RILASCIATA IL  6 giugno del 2006

LICENZA EDILIZIA RILASCIATA IL  6 giugno del 2006 

LICENZA EDILIZIA RILASCIATA IL  6 giugno del 2006

LICENZA EDILIZIA RILASCIATA IL  6 giugno del 2006  

LICENZA EDILIZIA RILASCIATA IL  6 giugno del 2006  

Sindaco arrestato per tangenti: “Ti chiedo poco perchè sei simpatico”

Varianti per rendere edificabile un terreno

Stefano Barri aveva rinunciato allo stipendio sostenendo di comprendere le difficoltà in cui oggi si dibattono le famiglie e le imprese

di Michele Pusterla


Il sindaco di Dubino, Stefano Barri (National Pressd/Orlandi)

Il sindaco di Dubino, Stefano Barri (National Pressd/Orlandi)
Dubino, 1 giugno 2013 – «Cinque all’adozione e cinque all’approvazione. So che è poco, ma perché mi sei simpatico». In migliaia di euro queste le richieste di denaro (e le frasi che le hanno accompagnate) che il sindaco di Dubino, Stefano Barri, 44 anni, residenza a Talamona, dalla tarda serata di mercoledì in carcere a Sondrio, avrebbe chiesto all’ingegner Carlo Contessa per l’edificabilità a un terreno di suo fratello Rino (quest’ultimo imprenditore edile che si è presentato all’appuntamento a Piantedo nel parcheggio antistante il bar «Ristop» per consegnare la tangente da 5 mila euro al primo cittadino, non prima di avere informato i poliziotti della sezione di Polizia Giudiziaria della Procura che lo hanno poi arrestato per concussione).
È quanto emerge dalle carte dell’inchiesta, condotta dal procuratore capo Fabio Napoleone con il sostituto Giacomo Puricelli, dopo che lo scorso 14 dicembre lo stesso Carlo Contessa, indagato a suo tempo in stato di libertà nell’ambito dell’indagine sul caso-Traona e più di recente rinviato a giudizio per un presunto abuso edilizio legato alla realizzazione di un capannone, si è presentato a Palazzo di giustizia per sporgere una denuncia orale con la quale lamentava di avere ricevuto una richiesta di denaro dal sindaco Barri, nel corso di un incontro richiesto dal primo cittadino e avvenuto il giorno prima (quindi lo scorso 13 dicembre) al Tennis Club di Morbegno.
«Il sindaco – spiegava Contessa ai poliziotti che subito dopo hanno informato il magistrato, affinchè disponesse le intercettazioni telefoniche – mi informava che sarebbe stata tolta l’edificabilità a una parte dei nostri terreni in via Valeriana a Nuova Olonio, ma che lui quella stessa sera avrebbe “fatto un blitz” riguardante il terreno di mio fratello Rino, mettendo tutti i componenti della Giunta davanti al fatto compiuto dicendosi ragionevolmente certo al 90% di rendere edificabile almeno una parte di quel terreno». «Barri – disse ancora l’ingegner Contessa negli uffici del Tribunale – mi disse che avrebbe avuto contro quelle che lui chiamava le “iene”, specificando trattarsi del vice sindaco Paola Oreggioni e dell’assessore Rosa Barri. Nella circostanza il Barri aggiunse che avrebbe fatto leva sul fatto che qualora non fosse stato approvato come da lui esibito, sarebbe saltata l’approvazione dell’intero Pgt e si sarebbe bloccata l’intera attività edilizia di tutto il Comune di Dubino a partire dal 1° gennaio 2013».
Il primo cittadino, sempre secondo il racconto del denunciante, affermò che il suo sforzo andava riconosciuto e avrebbe testualmente affermato: «Almeno una decina», precisando che se i soldi non glieli avesse dati suo fratello Rino, avrebbe dovuto provvedere lui a pagarlo per «lo sforzo». Il pubblico amministratore si sarebbe accontentato – ma si sa che, paladino dell’onestà in campagna elettorale, aveva rinunciato allo stipendio di sindaco sostenendo di comprendere le difficoltà in cui oggi si dibattono le famiglie e le imprese – di un’elargizione in denaro in due comode rate: «Cinque (mila euro: ndr) all’adozione e cinque all’approvazione» del Pgt. E mentre tornavano verso l’auto, parcheggiata al Tennis Club, Barri dando una pacca sulla spalla al compaesano Carlo Contessa gli spiegava con queste parole il «trattamento» di favore che gli riservava: «So che è poco, ma è perché mi sei simpatico».
Nei mesi successivi all’approvazione del Pgt – avvenuta il 21 dicembre – il sindaco, pur incontrandoli più di una volta, non avanza più richieste di denaro. Sino al pomeriggio del 29 maggio, quando contatta telefonicamente Rino (senza sapere di avere il cellulare intercettato) chiedendogli di vederlo alle 15 di quello stesso giorno a Chiavenna, al cantiere dove lo stesso Contessa è impegnato con la sua impresa edile. L’imprenditore, supponendo che nell’incontro il sindaco voglia chiedergli la mazzetta informa subito i poliziotti. E’ allora disposta un’intercettazione ambientale d’urgenza dal cui ascolto emerge che il Barri, in effetti, rinnova la richiesta di denaro. Nella circostanza, Rino, d’accordo con gli inquirenti, finge di starci e, con addosso l’apparecchiatura idonea alla registrazione del colloquio, si reca all’appuntamento fissato alle 18.15 a Piantedo per la consegna della busta con le banconote, tutte fotocopiate. La trappola è pronta e, puntualmente, scatta.
http://www.ilgiorno.it/sondrio/cronaca/2013/06/01/897522-Stefano-Barri-Sindaco-Dubino-Arresto-Tangenti.shtml

IL COPIOSO “CORPOSO” ED APPROFONDITO LAVORO DI INDAGINI DELLA COMMISSIONE GOVERNATIVA DI ACCESSO AGLI ATTI AL COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE CON  IL CONSEGUENTE  DECRETO MINISTERIALE DI SCIOGLIMENTO DELLA GIUNTA PORTOBELLO E DELL’INTERO CONSIGLIO COMUNALE A CUI E’ STATA CONTESTATA   LA INCANDIDABILITA’ ALLE PROSSIME COMPETIZIONI ELETTORALI LE MOTIVAZIONI NELLE CONCLUSIONI DEL PUBBLICO MINISTERO FRANCESCA MAZZOCCO  

RELAZIONE PREFETTIZIA DELLACOMMISSIONE DI ACCESSO AGLI ATTI AL COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE E DECRETOPRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI SCIOGLIMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE  (PDF) -scarica la relazione –

http://lakupoladellapolitikaaisoladellefemmine.files.wordpress.com/2012/11/relazione-commissione-prefettizia-scioglimento-consiglio-comunale-di-isola-delle-femmine.pdf 

http://cupoladellapolitikaaisoladellefemmine.blogspot.it/2012/11/isola-delle-femmine-il-ministro.html

Isola delle femmine. Ricorso al Tar Lazio contro
scioglimento comune

 

Ai giudici amministrativi della capitale si sono rivolti
il sindaco uscente, Gaspare Portobello, i componenti della sua giunta e della
maggioranza dell’assise civica, dopo che il Tar di Palermo ha dichiarato la
propria incompetenza territoriale

Si riuniranno mercoledì prossimo in camera di
consiglio i giudici della prima sezione del Tar del Lazio per decidere sulla
richiesta di annullamento del decreto del Presidente della Repubblica col quale
nel novembre del 2012 è stato sciolto per infiltrazioni mafiose il consiglio
comunale di Isola delle Femmine. Ai giudici amministrativi della Capitale si
sono rivolti il sindaco uscente, 

http://www.tv7partinico.it/video/1146/tg-del-22042013

Tar Lazio

Sede di Roma

Dettaglio  del Ricorso

 Num. Reg. Gen.: 2989/2013  Data Dep.: 29/03/2013  Sezione: 1
 Oggetto del ricorso: ANNULLAMENTO DEL D.P.R. DEL 12.11.2012 CON IL QUALE È STATO DISPOSTO LO SCIOGLIMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DI ISOLA DELLE FEMMINE PER LA DURATA DI 18 MESI, AI SENSI DELL’ART. 143 DEL D.L.VO 18.08.2000, N. 267, CON L’AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELL’ENTE AD UNA COMMISSIONE STRAORDINARIA. RIASSUNZIONE (ORD. COLL. N. 470/2013 DEL TAR PER LA SICILIA – PALERMO, SEZIONE PRIMA, RIC. N. 313/2013)
 Istanza di fissazione:
 Istanza di prelievo: NO
Ricorrenti/Resistenti
 Tipo  Nome Cognome / Istituzione
  RICORRENTE   PORTOBELLO GASPARE
  RICORRENTE SECONDARIO   AIELLO MARIA FRANCESCA
  RICORRENTE SECONDARIO   AIELLO MARIA FRANCESCA (NQ CONSIGL COMUN USCENTE)
  RICORRENTE SECONDARIO   AIELLO PAOLO
  RICORRENTE SECONDARIO   AIELLO PAOLO (NQ COMPONENTE GM)
  RICORRENTE SECONDARIO   BATTAGLIA ROSALIA
  RICORRENTE SECONDARIO   BATTAGLIA ROSALIA (NQ CONSIGL COMUN USCENTE)
  RICORRENTE SECONDARIO   CUTINO MARCELLO
  RICORRENTE SECONDARIO   CUTINO MARCELLO (NQ COMPONENTE GM)
  RICORRENTE SECONDARIO   GUTTADAURO GIOVAN BATTISTA
  RICORRENTE SECONDARIO   GUTTADAURO GIOVAN BATTISTA (NQ CONSIGL COMUN USCENTE)
  RICORRENTE SECONDARIO   LUCIDO SALVATORE
  RICORRENTE SECONDARIO   LUCIDO SALVATORE (NQ CONSIGL COMUN USCENTE)
  RICORRENTE SECONDARIO   PALAZZOTTO SALVATORE
  RICORRENTE SECONDARIO   PALAZZOTTO SALVATORE (NQ VICE SINDACO GM)
  RICORRENTE SECONDARIO   PELOSO ALBERTO
  RICORRENTE SECONDARIO   PELOSO ALBERTO (NQ CONSIGL COMUN USCENTE)
  RICORRENTE SECONDARIO   PORTOBELLO GASPARE (NQ SINDACO USCENTE)
  RICORRENTE SECONDARIO   RISO NAPOLEONE
  RICORRENTE SECONDARIO   RISO NAPOLEONE (NQ COMPONENTE GM)
  RESISTENTE   COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE – COMMISSIONE STRAORDINARIA PER LA GESTIONE DELL’ENTE
  RESISTENTE   MINISTERO DELL’INTERNO
  RESISTENTE   PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
  RESISTENTE   U.T.G. – PREFETTURA DI PALERMO
Avvocati
  AVVOCATURA GEN.LE DELLO STATO
 Indirizzo ,  Tel.
 Nome: DIEGO MARCELLO  Cognome: FECAROTTI
 Indirizzo ,  Tel.
 Nome: DIEGO MARCELLO  Cognome: FECAROTTI
 Indirizzo ,  Tel.
Atti Depositati
N.Protocollo Deposito Tipo Parte Parte Atto Depositato N.Allegati
2013027981 17/04/2013  RESISTENTE  PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI  ATTO > DI COSTITUZIONE 0
2013027982 17/04/2013  RESISTENTE  PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI  DEPOSITO > DOCUMENTI 1
2013026932 12/04/2013  RICORRENTE  PORTOBELLO GASPARE  DEPOSITO > CARTOLINA RICEVIMENTO NOTIFICA 0
2013003467 29/03/2013  RICORRENTE  PORTOBELLO GASPARE  DOMANDA > FISSAZIONE UDIENZA 0
2013023550 29/03/2013  RICORRENTE  PORTOBELLO GASPARE  RICORSO 4
Provvedimenti Collegiali
Nessun Provvedimento
Provvedimenti Monocratici
Nessun decreto
Udienze
Data fiss. udienza:   24/04/2013 Tipologia udienza:   CAMERA DI CONSIGLIO
Relatore: ANNA BOTTIGLIERI Tipologia del relatore: CONSIGLIERE
Secondo componente: CALOGERO PISCITELLO Tipologia componente: PRESIDENTE
Terzo componente: ROSA PERNA Tipologia componente: CONSIGLIERE
scarica in pdf  i  documenti depositati dai ricorrenti 

N. 00470/2013 REG.PROV.COLL.

N. 00313/2013 REG.RIC.
REPUBBLICA ITALIANA
Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia
(Sezione Prima)
ha pronunciato la presente

ORDINANZA

sul ricorso numero di registro generale 313 del 2013, proposto da:

Portobello Gaspare, Palazzotto Salvatore, Aiello Paolo, Cutino Marcello, Riso Napoleone, Aiello Maria Francesca, Battaglia Rosalia, Guttadauro Giovan Battista, Lucido Salvatore, Peloso Alberto,



tutti rappresentati e difesi dall’avv. Diego Marcello Fecarotti, con domicilio eletto presso il predetto difensore in Palermo, via Libertà n. 171;

contro

Presidenza della Repubblica, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero dell’Interno, Prefettura di Palermo – Ufficio Territoriale del Governo, in persona dei rispettivi rappresentanti legali pro tempore, rappresentati e difesi per legge dall’Avvocatura Distrettuale dello Stato di Palermo, domiciliata in Palermo, via A. De Gasperi 81;
nei confronti di
Comune di Isola delle Femmine in Persona del Sindaco pro tempore, non costituito in giudizio

per l’annullamento

del Decreto del Presidente della Repubblica del 12 novembre 2012 (notificato ai ricorrenti a far data dal 6 dicembre 2012), con il quale è stato disposto lo scioglimento del Consiglio comunale di Isola delle Femmine per la durata di 18 mesi, ai sensi dell’art. 143 del d.l.vo 18.08.2000 n. 267, con l’affidamento della gestione dell’ente ad una commissione straordinaria;
– della deliberazione del Consiglio dei Ministri del 9 novembre 2012 (richiamata nel succitato d.p.r. e mai comunicata ai ricorrenti);
• della relazione del Ministro dell’Interno in data 5 novembre 2012 allegata al decreto di scioglimento con la quale il citato Ministro ha ritenuto “che ricorrano le condizioni per l’adozione del provvedimento di scioglimento del consiglio comunale di Isola delle Femmine (Palermo) ai sensi dell’ari. 143 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267” ;

• della relazione in data 30 agosto 2012 e recante il prot. n. 1302/r-area sic/i^bis, con la quale il Prefetto di Palermo, ad esito di accesso ispettivo ed ai sensi dell’art. 143, comma 3, del t.u.e.l., ha attivato la procedura di scioglimento del Comune di Isola delle Femmine;
• di ogni alto atto, parere o provvedimento preordinato, connesso, consequenziale, comunque lesivo dei diritti dei ricorrenti, ivi compresi i verbali e la relazione finale redatta dalla commissione di accesso nominata con decreto del Prefetto della provincia di Palermo n. 25280/area o.s.p. ^ bis del 3 aprile 2012.

Visti il ricorso e i relativi allegati;
Visti tutti gli atti della causa;
Visti gli atti di costituzione in giudizio di Presidenza del Consiglio dei Ministri e di Ministero dell’Interno e di Prefettura di Palermo-Ufficio Territoriale del Governo;
Visto l’art. 16, co. 2, cod. proc. amm.;

Relatore nella camera di consiglio del giorno 28 febbraio 2013 il dott. Giovanni Tulumello e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;
Ritenuta l’incompetenza territoriale di questo T.A.R., ai sensi dell’art. 135, comma, lett. q) del cod. proc. amm., in materia di impugnazione dei provvedimenti adottati ai sensi degli articoli 142 e 143 del testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, per essere competente il T.A.R. del Lazio, sede di Roma

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia (Sezione Prima)

Dichiara la propria incompetenza territoriale, per essere competente il T.A.R. del Lazio, sede di Roma.
Condanna i ricorrenti, in solido fra loro, al pagamento in favore delle amministrazioni resistenti delle spese del giudizio, che liquida in complessivi euro mille/00, oltre accessori come per legge.
La presente ordinanza sarà eseguita dall’Amministrazione ed è depositata presso la segreteria del tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti.
Così deciso in Palermo nella camera di consiglio del giorno 28 febbraio 2013 con l’intervento dei magistrati:

Nicola Maisano, Presidente FF
Giovanni Tulumello, Consigliere, Estensore
Maria Cappellano, Primo Referendario

L’ESTENSORE IL PRESIDENTE

DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 28/02/2013
IL SEGRETARIO
(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Palermo/Sezione%201/2013/201300313/Provvedimenti/201300470_08.XML

VASSALLLO GIUSEPPE PIETRO BRUNO NUNZIO SERIO SAVOCA…… A PAG:
BILLECI SALVATORE 1937 BILLECI SALVATORE 1923 BILLECI ROCCO BRUNO PIETRO BRUNO GIUSEPPE  D’AGOSTINO ROSARIO POMIERO GIUSEPPE B.B.P. snc  LA MORGANTINA S.r.l. Palermo BRUNO GIOVANNI
La concessione edilizia in  sanatoria  n.  “Omissis”  del  “Omissis”, “Omissis” Nel dettaglio, e’  stata  sottoposta  ad  analisi  la  documentazione rinvenuta nel fascicolo relativo a  “Opere  eseguite  in  difformita’ della licenza edilizia n. 45 del “omissis”per la realizzazione di  un fabbricato in contrada”omissis”, composto  da  tre  elevazioni  fuori terra (piano terra, primo e secondo), volume  totale  mc.  3.780,31”, istante “Omissis”, beneficiari “Omissis” e “Omissis” (figli ed  eredi dell’istante).
Con Attestato di  Concessione  Edilizia  in  sanatoria  assentita  n. “Omissis”, il Responsabile del III settore U.T.C. del Comune di Isola delle  Femmine,  Architetto   “Omissis”,   attestava   che   dovevano intendersi  assentite  favorevolmente  le  istanze   di   concessione edilizia in sanatoria ex 1.47/85, presentate dalla sig.ra  “Omissis”, ormai deceduta giusta denuncia di successione n. “Omissis”,  ed  alla quale succedono, nella qualita’ di unici eredi i  figli  “Omissis”  e “Omissis”,  per  le  opere  eseguite  in  difformita’  della  licenza edilizia n.  “Omissis”  del”Omissis”,  per  la  realizzazione  di  un fabbricato in contrada “Omissis” .
La licenza  edilizia  n.  “Omissis”  del  “omissis”  si  riferiva  al progetto  per  la  costruzione  di  un  complesso   alberghiero   nel “Omissis”, in ordine  al  quale  peraltro  la  C.E.C.  aveva  imposto prescrizioni riferite alla zona  (che  non  prevedeva  tale  tipo  di insediamento) ed alla cubatura degli immobili.
Sin dalle prime fasi la realizzazione del progetto aveva  dato  luogo ad una serie di irregolarita’, contestate con piu’ o  meno  decisione dagli uffici comunali, che per la difformita’ delle opere  realizzate rispetto a quanto  previsto  nel  progetto  era  stata  oggetto,  tra l’altro, di contravvenzione elevata  dalla  Stazione  Carabinieri  di Isola delle Femmine con  verbale  datato  21.02.1983  per  violazione della legge n. 1150 del 1942, e sulla quale, infine, nel  “omissis”si era innestata la richiesta di sanatoria, ai sensi della legge 47  del 1985.

In proposito, negli atti clell’UTC e’ stato anche riscontrato un atto

di  notorieta’,  risalente  al  10.02.1981,  concernente   l’avvenuta eliminazione  di  irregolarita’  costruttive  rispetto  al   progetto originario, formalizzato  al  Comune  in  presenza  del  Sindaco  pro tempore “Omissis” ed al Segretario comunale, che veniva  sottoscritto dalla titolare della concessione edilizia, “Omissis”,  unitamente  ad altri testimoni, tra i quali spicca il gia’ noto “Omissis”.
Per meglio comprendere le illegalita’ perpetrate dall’Amministrazione comunale nel  procedimento  in  esame,  non  puo’  farsi  a  meno  di richiamare talune  fasi  salienti  della  procedura,  assai  piu’  in dettaglio descritte  nella  relazione  presentata  dalla  Commissione d’indagine, e che di seguito si riportano:
        Alla data dell’01.10.1990,  si  riscontra  la  consegna  di  una ricevuta di versamento della seconda  rata  della  oblazione  per  la richiesta sanatoria;  cio’  testimonia  che,  pur  essendo  trascorsi alcuni anni, la “Omissis”  non  aveva  provveduto  ad  effettuare  ilversamento  dell’intero  importo  entro  il  termine  stabilito   del 30.09.1986;
        Con corrispondenza del 17 gennaio 1992, indirizzata al Comune di Isola delle Femmine e, per  conoscenza,  alla  sig.ra  “Omissis”,  la Soprintendenza Beni Culturali ed  Ambientali  della  Regione  Sicilia rilevava che,  con  riferimento  alla  richiesta  di  nulla  osta  in sanatoria per la costruzione del fabbricato  sito  “omissis”  istanza deromissis”,  opere  realizzate  in  difformita’   alla   concessione edilizia  n.”omissis”  e  successive  varianti  -,   agli   atti   di quell’ufficio, non risultava il rilascio del preventivo nulla-osta;
        Con una nota indirizzata dal Comune alla signora  “Omissis”,  il 22.09.1997,  mentre  si  comunicava  che  “trattandosi  di   un’opera realizzata  in  difformita’  ad  una  licenza  edilizia,  il  calcolo dell’oblazione  e’  da  ritenersi  esatto,   poiche’   la   tipologia dell’abuso e’ riferita al punto 3 del modello “A” allegato alla legge 47/85”, e che “ l’opera, essendo stata realizzata prima  dell’entrata in vigore della L.R. 71 del 27.12.1978, non e’ soggetta al  pagamento degli oneri concessori calcolati con le modalita’ dettate dalla L. 10 del  28.01.1977”,  contemporaneamente  si  evidenziava  altresi’  che “all’interno del fascicolo non vengono rinvenuti parte dei  documenti di cui all’art. 23 della L. 47/85 ( certificato di idoneita’ Statica, Il Nulla Osta  della  Soprintendenza  ai  BaCC.AA.).  Si  trasmetteva pertanto in allegato, la diffida  con  la  quale  si  richiedevano  i documenti  di’  cui  sopra.  Nell’allegato  alla  citata   nota,   si specificava che “trascorsi infruttuosamente i termini previsti  dalla normativa vigente, sara’ applicata la disposizione prevista dal comma 1 dell’art. 40  della  Legge  28  Febbraio  1985  n.  47”  (cioe’  il pagamento di una somma pari al doppio dell’oblazione);
        Nella stessa nota, ancora, non veniva fatto alcun riferimento ai versamenti da oblazione ancora da effettuarsi ne’  ad  una  eventuale regolarizzazione di quelli gia’ effettuati  perche’  non  congrui  in relazione al “quantum” effettivamente dovuto. E  neanche  all’interno del fascicolo preso in esame e’ stato rinvenuto alcun  documento  che comprovi l’adozione da  parte  dell’amministrazione  comunale  di  un provvedimento sanzionatorio, ai sensi e per  gli  effetti  di  quanto previsto dal citato art. 40, comma 1 della L. 47/85. Per di piu’  non e’ dato sapere neppure se la diffida allegata alla nota stessa, priva di protocollo e data e priva della firma  del  Sindaco  pro  tempore, “Omissis”, sia stata o meno spedita alla “Omissis” nella forma  della raccomandata con ricevuta di’ ritorno, cosi’ come si evince dall’atto stesso;
        Ancora, con nota del 31.05.1999, il Comune, facendo seguito alla nota della Soprintendenza  ai  13B.CC.AA.  recante  prot.  13776  del 30.12.1991 (dopo ben 7  anni),  comunicava  a  quell’Ufficio  che  il fabbricato in parola era da ritenersi privo del  nulla  osta  di  cui all’art. 7 della L. 1497/39,  specificando,  altresi’,  che  “per  le ulteriori richieste si  fa  presente  che  a  causa  di  un  incendio avvenuto nel mese di novembre dell’anno 1979, non e’ stato  possibile rinvenire la pratica di che trattasi e quindi i’ relativi  grafici  e documenti”;
        Si giungeva, cosi’, alla nota prot. 4290/CC del 23.03.2006,  con la quale l’Ufficio Sanatorie abusivismo e  controllo  del  territorio del Comune, nella persona del suo responsabile Arch. “Omissis” e  del responsabile del procedimento, geometra “Omissis”,  dietro  richiesta della sig.ra “Omissis”,  certificava  che  la  pratica  di  sanatoria intestata  alla  medesima,  relativa   all’immobile   realizzato   in difformita’ alla concessione edilizia, e precisamente  con  l’aumento di superficie  utile  e  diversa  destinazione  d’uso  di  una  parte dell’edificio,  era  ancora  in  corso  di   istruttoria   da   parte dell’ufficio scrivente;
        Il 13 marzo 2009,  “Omissis”  e  “Omissis”,  nella  qualita’  di proprietari dell’immobile  oggetto  di  condono  edilizio  –  pratica “Ornissis”e nella qualita’ di unici eredi  di  “Omissis”,  originariaintestataria della pratica,  chiedevano  che  l’atto  concessorio  in sanatoria venisse  a  loro  intestato,  allegando,  tra  l’altro,  la dichiarazione di successione dalla quale si evinceva  che  “Omissis”, coniuge superstite, aveva rinunziato all’eredita’, e  dichiarando  di non avere mai ricevuto ne’ loro ne’ la propria  madre,  richieste  di integrazione e/o diniego da parte  della  Soprintendenza  ai’  BB.CC.  relativamente al vincolo paesaggistico, dopo la richiesta  di’  Nulla Osta inoltrata in data 5.3.1999. Gli stessi dichiaravano altresi’ che nella fase di  realizzazione  dell’edificio  eseguito  dalla  propria madre, giusta licenza edilizia “Omissis”e  successive  varianti,  era stata occupata in buonafede una porzione del fondo confinante per una dimensione massima della superficie occupata dal fabbricato di m. 8 x 23 circa e che  il  proprietario  del  terreno  attiguo  non  ha  mai prestato opposizione  relativa  all’occupazione  parziale  del  fondo medesimo;
        Nel corso dell’anno  2009,  inoltre,  un  ulteriore  scambio  di corrispondenza avveniva tra il Comune, che commissionava una  perizia tecnica ad un professionista esterno allo scopo di definire gli oneri urbanistici ed economici ai fini  della  definizione  della  pratica, l’AUSL  di  Carini,  che  emetteva  un   parere   di   compatibilita’ igienico-sanitaria del complesso alberghiero – esclusa la  piscina  – ed un perito di parte, che certificava che tutta  l’opera  era  stata realizzata in conformita’ al  progetto  di  concessione  edilizia  in sanatoria e che “l’istanza di condono e’ stata integrata con tutta la documentazione prevista dall’art. 26 della L.R. 37/85”. Inutile  dire che tutte le citate fonti appaiono in contraddizione tra di loro.  Infine,  con  l’attestato  di  concessione  edilizia   in   sanatoria rilasciato con il n. “Omissis” (composto da  n.  05  pagine)  l’arch.  “Omissis”,   dichiarava    che    dovevano    intendersi    assentite favorevolmente le istanze di concessione edilizia in sanatoria ex  L.  47/85, presentate dalla sig.ra “Omissis”, alla quale erano succeduti, nella qualita’ di unici eredi i figli “Omissis” e “Omissis”,  per  le opere eseguite in difformita’ della licenza edilizia n. “omissis” del “omissis”,  per  la  realizzazione  di  un  fabbricato  in   contrada “Omissis”. Detto attestato, tra l’altro, riportava:
        pagina  4,   “visti   i   bollettini   postali   di   pagamento dell’oblazione di: 1) lire 5.840.000 del 28.03.1986 –  n.826;  2)  di lire 5.840.000 del 26.03.1986; 3) lire 5.957.000 del 28.08.1986 –  n.  623”.
        pagina  4,  “vista  la  nota  del  22,09.1997  –  p.11°  10802, dell’il.T.C. con la quale si comunica che il  calcolo  dell’obiezione e’ esatto. Nella stessa nota risulta che,  essendo  l’opera  eseguita prima dell’entrata in vigore della L.R. 71/78,  non  e’  soggetta  al pagamento degli oneri concessori”.
Tali attestazioni  danno  conferma  del  sospetto  circa  il  mancato pagamento dell’intera oblazione –  segnatamente  della  seconda  rata pari a 5.840.000 lire – non essendo stato rinvenuto alcun documento a comprova del citato versamento, asseritamente effettuato il 26  marzo 1983 e quindi in data antecedente al primo;  come  invece  asseverato dalla perizia di parte ed attestata  nel  provvedimento  di  rilascio della concessione.
Le lungaggini, le contraddizioni e le carenze istruttorie,  oltreche’ materiali, rilevate nel procedimento  sopra  sommariamente  descritto trovano giustificazione alla luce delle notizie che emergono in  capo ai soggetti protagonisti della vicenda.
“Omissis”   e   “Omissis”,   infatti,   sono   figli   di   “Omissis” (classe”Omissis”), deceduto a Palermo il  “Ornissis”e  gia’  reggente della famiglia mafiosa  di  Capaci  ed  Isola  delle  Femmine,  e  di “Omissis”, il cui fratello, “Omissis”, nato a Capaci il “Omissis”  e’ stato tratto in arresto nell’ambito dell’operazione “San Lorenzo 2” e successivamente condannato per concorso in associazione mafiosa.  Sul conto di  “Omissis”,  sono  emersi  numerosi  pesanti  precedenti penali e di polizia:    – 20.12.2000, con  sentenza  a  seguito  di  giudizio  abbreviato, veniva condannato, dal Tribunale di Palermo, per il reato di concorso in associazione mafiosa art. 416 bis C.P.;
        15.03.2002, con sentenza n. 814 veniva  condannato  dalla  Corte d’Appello di Palermo per il reato di concorso in associazione mafiosa ex art. 416  bis  C.P.;  la  sentenza  si  riferiva  all’arresto  del 28.07.1999 per i reati commessi in Palermo dal settembre 1982 in poi;
        12.07.2004,  gli  veniva  notificata  l’ordinanza  emessa   dal Magistrato di Sorveglianza  di  Palermo,  avente  n.  259/04  R.O.  e n.87/03 R.G.M.S. datata 12.05.2004, con  la  quale  si  applicava  la misura della liberta’ vigilata per la durata di anni 1 (uno);
        17.01.2005, in ottemperanza al decreto di  sequestro  n.  201/04 RMP,  emesso  dal  Tribunale  di’  Palermo  –   Sezione   Misure   di Prevenzione, il 28.12.2004, la Compagnia CC di  Carini  procedeva  al sequestro di beni riconducibili al citato “Omissis” classe 1959, alla madre convivente “Omissis” e alla “Omissis”;
        14.02.2008, il Tribunale  di  Palermo  applicava  la  misura  di prevenzione della sorveglianza speciale della  P.S.  con  obbligo  di soggiorno nel Comune di residenza per la durata di anni tre;
        17.06.2008,  sottoposto  alla  misura  di   prevenzione   della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune  di  Capaci con decreto n. 201/04 RMP del Tribunale  di  Palermo,  notificato  il 19/05/2008, veniva denunziato, in stato di liberta’ per violazione di cui all’art. 9 comma 2 L. n.1423 del 27/12/1956, dalla Stazione CC di Palermo  per  essersi  allontanato  dal  Comune   di   Capaci   senza l’autorizzazione dell’A.G. competente;
        18.04.2012, segnalato in atti da parte  del  Nucleo  di  Polizia Tributaria della  Guardia di Finanza di Palermo,  per  violazione  dell’art.  31  L. 646/82; nello specifico ometteva di comunicare l’avvenuta  variazione patrimoniale pari ad  euro 132.450,00.
Si aggiunga che i legami tra le famiglie “Omissis”,  di  Capaci  sono dimostrate ed attestate, oltre che da stretti  rapporti  familiari  – “Omissis” (classe “Omissis”) e “Omissis”,  (classe  “Omissis”)  sono, infatti, cognati, anche da rilevanti interessi economici.
Risultano,  a  tal  proposito,  numerose  compartecipazioni  tra   il “Omissis”,  (classe  1937)  ed  il  “Omissis”,  (classe  ‘59),  anche unitamente ad altri soggetti mafiosi in numerose societa’ tra cui:
        “OMISSIS”  tra  gli  altri,  erano   soci   “Omissis”   (classe “Omissis”), “Omissis” (classe  “Omissis”),  gia’  noto,  e  “Omissis” (classe “Omissis”).
        “OMISSIS”, facente capo al  boss  mafioso  “Omissis”  (fondatore della societa’ nel 1974), tra gli altri, si annoveravano quali  soci, “Omissis” (classe “Omissis”), “Omissis” (classe “Omissis”), “Omissis” (classe “Omissis”), “Omissis” (classe “Omissis”),  “Omissis”  (classe “Omissis”),   “Omissis”   (classe   “Omissis”),   “Omissis”   (classe “Omissis”), “Omissis” di  cui  si  e’  gia’  ampliamente  parlato  in precedenza;
        “OMISSIS” con sede in Palermo, via  “Omissis”,  si  annoveravano quali  soci,  “Omissis”   (classe   “Omissis”),   “Omissis”   (classe “Omissis”),  “Omissis”  (classe  “Omissis”)   e   “Omissis”   (classe “Omissis”). La societa’ aveva come oggetto l’assunzione  di  pubblici appalti ed e’ stata posta in fallimento il “Omissis”, poi oggetto  di misura di prevenzione;
        “OMISSIS” si annoveravano, tra gli altri, quali soci,  “Omissis” (classe ‘Omissis”), “Omissis” (classe “Omissis”),  “Omissis”  (classe “Omissis”). La societa’, costituita nel “Omissis”, aveva come oggetto la gestione, produzione, trasformazione di “Omissis”;
        “OMISSIS”  si  annoverano   quali   soci,   “Omissis”   (classe “Omissis”),  “Omissis”  (classe  “Omissis”)   e   “Omissis”   (classe “Omissis”).
Ulteriori elementi che dimostrano la commistione d’interessi  tra  lefamiglie “Omissis” con la consorteria criminale locale si  rinvengono anche dai numerosi negozi giuridici posti in essere nel tempo:
        anno 1981, “Ornissis”  (classe  1937),  unitamente  a  “Omissis” (classe  “Omissis”)  e  “Omissis”  (classe  “Omissis”),  cedevano  un terreno, a titolo gratuito, al Comune di Capaci;
        anno 1986, “Omissis” (classe “Omissis”), unitamente a  “Omissis” (classe “Omissis”),  “Omissis”,  “Omissis”,  “Omissis”  e  “Omissis”, acquistavano  una  vasto  terreno  nella  Contrada  quattro   Vanelle (distante 150/200 metri circa dal luogo dell’esplosione  della  bomba che causo’ la strage di Capaci del 23 Maggio 1992);
        anno 1986, “Omissis” (classe “Omissis”), unitamente alla di  lui moglie, vendeva a “Omissis” (classe “Omissis”)  e  “Omissis”  (classe “Omissis”), rappresentati dai genitori “Omissis” (classe  “Ornissis”) e “Omissis”, due appartamenti per  lire  200.000.000  (il  “Omissis”, mafioso appartenente alla famiglia di Capaci, e’ stato indicato  come prestanome della suddetta cosca mafiosa).
        anno 1986, “Omissis”  (classe  “Omissis”)  vendeva  a  “Omissis” (classe “Omissis”) un appezzamento di terreno;
        anno 1989, “Omissis” (classe “Omissis”), unitamente a  “Omissis” (classe “Omissis”) e “Omissis”  (classe  “Omissis”),  ricevevano,  da terzi, la proprieta’ di un altro terreno;
        anno 1990,  “Omissis”  e  “Omissis”  acquistavano  da  terzi  un immobile;
Si evidenzia, altresi’, che la famiglia  di  Capaci  ed  Isola  delle Femmine, il cui reggente era proprio i/ “Omissis” (classe “Omissis”), faceva capo al mandamento mafioso di San Lorenzo.
I collegamenti principali di “Omissis” (classe “Omissis”) erano con i seguenti soggetti:
        “Omissis”, nato a Palermo il “Omissis” (capomafia di Capaci);
        “Omissis”, nato a Capaci il “Omissis”;
        “Omissis”, gia’ noto;
        “Omissis”, nato a Cinisi il “Omissis”  (latitante  e  famigerato “Omissis” di Cinisi).
        “Omissis”, nato a Capaci i/ “Omissis” (“Omissis”  pregiudicato), azionista  della  nota  “Omissis”.  facente  capo  al  boss   mafioso “Omissis” di Cinisi, e’ cugino di “Omissis” (classe “Omissis”). 

 PAGINA 43/48 DELLA RELAZIONE DELLA PREFETTURA DI PALERMO 
COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
PROVINCIA DI PALERMO
III SETTORE – SERVIZIO: SANATORIE EDILIZIE
Pratica edilizia n. 45/1973
Pratica di sanatoria edilizia n. 20/1981 

ATTESTATO DI CONCESSIONE EDILIZIA
IN SANATORIA ASSENTITA N. 12 DEL 14/05/2009
IL RESPONSABILE DEL III SETTORE U.T.C.
* * *
Vista la Legge urbanistica n. 1150/42 e ss.mm.ii.;
Vista la Legge n. 10 del 28/01/1977;
Vista il D.M. LL.PP. del 10/05/1977;
Vista la Legge n. 457 del 05/08/1978;
Vista la Legge Regionale n. 71 del 27/12/1978;
Vista la Legge Regionale n. 70 del 18/04/1981;
Vista la Legge n. 47/85;
Vista la L.R. n. 4 del 2003;
Vista La L.R. n. 7 del 2003;
Viste le istanze di concessione edilizia in sanatoria a firma della sig.ra Vassallo Antonietta,  omissis ai sensi D.Lgs n. 196/03 sulla tutela dei dati personali, inoltrate in data 29.03.1986  
– numero progressivo 0453451208 – protocollo n. 02468, con le quali chiedeva, ai sensi  della Legge 47/85, con modello A: la concessione in sanatoria per venti residenze non  primarie in difformità della licenza edilizia n. 45/75 e con il Modello B: il cambio di  destinazione d’uso da commerciale a residenziale non primarie;



Accertato che l’istante aveva titolo per richiedere la concessione edilizia in sanatoria,  giusto atto di vendita del 09.08.1971, registrato in data 10.09.1971 al n. 30541 e n. 23868,  

ai rogiti del dott. Marretta Domenico, Notaio in Piana degli Albanesi. Dall’atto di  







provenienza risulta che i sig.ri Vassallo Vincenzo e Siino Sebastiano hanno venduto, alla  







sig.ra Vassallo Antonietta, sopra generalizzata, un tratto di terreno edificabile nel territorio  

di Isola delle Femmine, c.da Piana, p.lla n. 440 derivata dalla particella 53, del foglio di  
mappa n. 3;













Vista la licenza edilizia originaria n° 46 rilasciata il 17.08.1966 a nome di Vassallo Vincenzo  e Sebastiano;
Vista la licenza edilizia n° 45 del 04.03.1975 , rilasciata alla sig.ra Vassallo Antonietta,  nella qualità di nuova proprietaria, giusto atto di compravendita del 09.08.1971, per la: realizzazione di trascritta presso la CC.RR.II. di Palermo il ……….. ai nn. ………/……….. un  complesso alberghiero a tre piani fuori terra oltre uno seminterrato in viale dei Saraceni al  

fg. 3 – p.lla n. 53;
Vista la licenza di variante del 15.01.1976 relativa al piano seminterrato;
Visti gli elaborati grafici a firma del tecnico incaricato l’architetto Gaetano Scolaro, iscritto  
all’Ordine degli Architetti della Provincia di Palermo al n. 1805, da cui risulta che  

l’immobile oggetto di concessione edilizia in sanatoria è stato realizzato in difformità della  

licenza edilizia originaria n 45 del 04.03.1975 e successive varianti.


Dagli elaborati grafici a firma del tecnico incaricato sopra indicato, risulta che l’immobile  consta di tre elevazioni fuori terra (piano terra, primo e secondo) cosi articolato: Al piano  

terra – dodici unità abitative, più vano scala, corridoio e locale adibito a deposito e locale  



autoclave posto all’esterno all’edificio; il tutto con una superficie pari a mq. 916,78. Al 



piano primo: nove unità abitative, vano scala, corridoio e terrazzo; il tutto per una 



superficie pari a mq. 568,01. Al piano secondo, accessibile dal torrino scala: un’unità 

abitativa con una superficie pari a mq 69,00 e lastrico solare allo stesso livello. La 

volumetria totale dell’edificio è pari a mc. 3.780,31.

















Accertato dagli elaborati grafici che l’abuso oggetto di sanatoria edilizia consiste :
1) nella diversa distribuzione interna del piano, originariamente seminterrato, che diviene  piano terra, ed ampliamento all’interno della sagoma originariamente assentita con  l’ultima licenza edilizia n. 45/1975; 2) nel cambio di destinazione d’uso da (commerciale): 65 bar, ristorante, direzione ecc.. a unità residenziale in ambito  

alberghiero; 
3) nell’ampliamento al piano secondo (lastrico solare) del torrino scala, con la  

definizione di un’unità abitativa. Visto l’atto di notorietà del 10.02.1981 sottoscritto dalla  
de cuius sig.ra Vassallo Antonietta, nella quale dichiarava che l’edificio sito in Via Dei  
Saraceni del Comune di Isola delle Femmine, composto da Piano Seminterrato e da piano  
rialzato era stato iniziato nel mese di aprile 1975 ed era stato completato nelle sue  
strutture essenziali alla data del 30.12.1976;













Vista la perizia sulla consistenza dell’immobile, giurata in data 24.09.1990 –cronologico n.  14337, dall’architetto Gaetano Scolaro, sopra generalizzato, con la quale attesta, (…) che  

la signora Vassallo Antonietta ha realizzato sul lotto di terreno censito al catasto al foglio  



di mappa n. 3 – particella n. 440, un edificio a tre elevazioni fuori terra, adibito a  



complesso alberghiero. L’immobile al momento del sopralluogo era completamente rifinito  



in ogni sua parte, sia interna che esterna. Esso risulta composto al piano terra da 12 unità  
abitative più un vano adibito a contatori enel, un ambiente deposito ed un locale autoclave  
all’esterno dell’edificio; al piano primo da 9 unità abitative; al piano secondo da una unità  
abitativa;





















Il tecnico dichiara altresì che gli scarichi dell’immobile sono convogliati nella fognatura  dinamica comunale.
Accertato dai rilievi aereo-fotogrammetrici, volo del gennaio 1977, che l’immobile era già  esistente nella sua sagoma.
Vista la catastazione a firma dell’architetto Gaetano Scolaro, e le visure nn. Pa0363764 del  28.08.2008, secondo cui l’immobile risulta intestato ai sig.ri Billeci Leonarda e Vincenzo,  
sopra generalizzati, e censito nel seguente modo: foglio n. 3 – p.lla n. 440 – sub. 3, ctg.  

C/2; foglio n. 3 – p.lla n. 440 – da sub. 4 a sub. 23, ctg. A/3; foglio n. 3 – p.lla n. 440 – sub.  
26 lastrico solare;
Vista la nota del 22.03.1999 con la quale il Genio Civile di Palermo attesta il deposito del  certificato di idoneità sismica redatto dall’architetto Gaetano Scolaro, iscritto all’Ordine  

degli Architetti della Provincia di Palermo al n° 1805, d epositato ai sensi della L. 64/74 e  

ss. DD.MM., presso il Genio Civile di Palermo in data 22.12.1998 – protocollo n. 28416/98 –  
Sezione I – pratica edilizia n. 3254/98;



Vista la domanda di Nulla Osta inoltrata alla Soprintendenza ai BB.CC.AA. in  data 05.03.1998 e la successiva nota della Soprintendenza ai BBCCAA con la  

quale vengono comunicati, su richiesta della ditta, gli estremi della pratica –  
ricevuta di protocollo n. 5519 del 06.03.1999.

Visto il parere igienico-sanitario favorevole dell’AUSL – p.llo n. 701/IP del 23/04/2009;
Vista la nota del 13 marzo 2009 – p.llo n. 4353, presentata dai sig.ri Billeci Leonarda e  Vincenzo, sopra generalizzati, nella qualità di nuovi proprietari in quanto unici eredi come  

indicato nella denuncia di successione allegata, numero 43 – volume n. 392 – del  
26.08.2008, con cui chiedono che l’atto concessorio in sanatoria venga a loro intestato  
nella qualità di unici proprietari. Nella nota trasmettono: 





1) dichiarazione di successione; 
2) nota con cui intendono avvalersi del silenzio assenso della Soprintendenza ai BB.CC.AA; 
3) dichiarazione redatta ai sensi dell’art. 938 del c.c.; 3) certificati del Ministero di Grazia e  Giustizia, nn° 84126/2008/R e 84498/2008/R del 11/12/2008 e 13/12/2008;
Vista la dichiarazione sostitutiva resa ai sensi del D.P.R. n° 445/2000, trasmessa dal  sig. Billeci Vincenzo…omissis…, in data 13 marzo 2009 – con nota p.llo n° 4353, s

ottoscritto dai figli delle sig.ra Vassallo Antonietta, nella qualità di unici eredi: Billeci  
Vincenzo …omissis… e Billeci Leonarda …omissis…, con la quale intendono avvalersi  
dell’articolo n°938 del c.c.;





Vista la Dichiarazione di Successione aperta in data 14.05.2007 presentata al numero 43 –volume n. 392 – in data 26.08.2008. Dalla denuncia di successione risulta che alla morte della sig.ra Vassallo Antonietta nata a Capaci il 30.08.1946 – codice fiscale: VSS NNT 46M70B645K, risultano eredi: 1) Billeci Leonarda, …omissis…;2) Billeci Vincenzo, …omissis…;

Vista la dichiarazione sostitutiva di notorietà del 13/03.2009 – p.llo n. 4353, sottoscritta ai sensi del D.P.R. n° 445/2000 a firma degli eredi de lla sig.ra Vassallo Antonietta, i sig.ri Billeci Leonarda, …omissis…, e Billeci Vincenzo, …omissis…, con la quale dichiarano di non avere ricevuto né loro né la propria madre, Vassallo Antonietta, richieste di integrazione o provvedimenti di diniego da parte della Soprintendenza ai BBCCAA, dopo la richiesta di Nulla Osta inoltrata in data 05.03.1999 di cui alla ricevuta n. 5519 del 06.03.99  con la stessa, i sig.ri Billeci Vincenzo e Leonarda, sopra generalizzati, ai sensi dell’ l’art. 17 – comma 6° della L.R. n. 4 del 16.04.2003 – intendono avvalersi del parere assentito;



Visti i certificati rilasciati dal Ministero Grazia e Giustizia – Generale casellario giudiziale– 
n° 84126/2008/R, del 11/12/2008 e n° 84498/2008/R – r elativo ai sig.ri Billeci Vincenzo, …omissis…, e Billeci Leonarda, con i quale si attesta che nella Banca del Casellario giudiziale risulta per entrambi i soggetti: NULLA.
Vista la comunicazione dei signori Billeci Vincenzo e Billeci Leonarda, sopra generalizzati, 
del 11/05/2009 – p.llo n. 7726, con la quale in termini di legge intendono assentita la   concessione edilizia in sanatoria, per decorrenza dei termini, come disposto dalla L.r.  04/2003 – articolo n. 17;
Vista la perizia giurata dall’ingegnere Stefano Francavilla, iscritto al relativo Albo degli  Ingegneri della Provincia di Palermo al n° 5897, re datta ai sensi dell’art. 17 della L.r. n.  04/2003, al fine della definizione della pratica edilizia, attestante che il corpo di fabbrica  per il quale è richiesta la concessione in sanatoria, non ricorre alcuna delle ipotesi di   insanabilità previste dalla vigente normativa, giurata presso il Tribunale di Palermo, il   07/05/2009 ed introitata al protocollo del Comune al n. 7726 del 11/05/2009;
Visti i bollettini postali di pagamento dell’oblazione di: 1) lire 5.840.000 del 28.03.1986 –  
n. 826; 2) di lire 5.840.000 del 26.03.1986; 3) lire 5.957.000 del 28.08.1986 – n. 623;
Vista la nota del 22.09.1997 – p.llo n. 10802, dell’U.T.C., con la quale si comunica che il  
calcolo dell’oblazione è esatto. Nella stessa nota risulta che, essendo l’opera eseguita   prima dell’entrata in vigore della L.r. 71/1978, non è soggetta al pagamento degli oneri   concessori;
Viste le leggi 47/85 e successive modifiche ed integrazioni e L.R. 37/85 e successive  
modifiche ed integrazioni;
Visto il comma 1 dell’art.39 della L. 724/94 con le modifiche introdotte dall’art. 2 comma  
37 lett. B della L. 662/96 e riscontrato che nulla osta al rilascio della concessione edilizia in   sanatoria;
Vista la L.R. n. 04/2003;
ATTESTA
che devono intendersi assentite favorevolmente, le istanze di concessione edilizia in  
sanatoria ex lege 47/85, presentate dalla sig.ra Vassallo Antonietta, …omissis…, inoltrate   in data 29.03.1986 – numero progressivo 0453451208 – protocollo n. 02468, con modello  A e modello B, ormai deceduta giusta denuncia di successione numero 43 – volume n. 392 – del 26.08.2008 ed alla quale succedono, nella qualità di unici eredi, i figli: Billeci  Vincenzo, …omissis…, e Billeci Leonarda, …omissis…, per le opere eseguite in difformità  della licenza edilizia n. 45 del 04.03.1975 per la: realizzazione di fabbricato in contrada  

Piana, al catasto urbano al foglio di mappa n. 3 – particella n. 440 dal sub. 3 al sub. 26,  



composto da tre elevazioni fuori terra (piano terra, primo e secondo), così articolato: al 



piano terra: dodici unità abitative al piano terra, più vano scala, corridoio e locale adibito a 







deposito, e locale autoclave esterno all’edificio; il tutto con una superficie pari a mq. 







916,78; al piano primo: nove unità abitative, vano scala, corridoio e terrazzo; il tutto per 







una superficie pari a mq. 568,01; al piano secondo, accessibile dal torrino scala: un unità 







abitativa e lastrico solare allo stesso livello. La volumetria totale dell’edificio è pari a mc. 3.780,31, così come riportato negli elaborati grafici che allegati alla presente, ne fanno parte integrante e sostanziale. La presente attestazione di concessione edilizia in sanatoria viene rilasciata fatti salvi i diritti dei terzi.





















A norma dell’art. 36 della L.R. 71/78 il presente atto sarà trascritto presso la Conservatoria 
dei RR.II. di Palermo, con carico della spesa al concessionario. A norma dell’art. 36 della 
L.R. 71/78 la presente Concessione Edilizia in Sanatoria sarà trascritta presso la  Conservatoria dei RR.II di Palermo, a nome degli attuali proprietari, nella qualità di unici  eredi, Billeci Vincenzo, …omissis…, e Billeci Leonarda, …omissis…, con carico della spesa 
al/i concessionario/i.
Il Responsabile del III Settore U.T.C.
Architetto Sandro D’Arpa
SI CERTIFICA
Su conforme relazione del messo comunale, che la presente concessione è stata pubblicata 
all’albo pretorio, ai sensi dell’art.37 della L.R. 71/78 per 15 giorni consecutivi, da l 
___________ al _____________ e che contro la stessa _____ sono stati presentati 
opposizioni o reclami.
Isola delle Femmine_________
Il Segretario Comunale
Dr. Manlio Scafidi
Estratto di concessione edilizia
n.10 del 30.05.2011
FIGLI DI VASSALLO ANTONIETTA E BILLECI SALVATORE 

Nomina al Responsabile del III Settore, arch. Sandro D’Arpa, a rappresentare il Comune di Isola delle Femmine per la stipula dell’atto relativo alla cessione a titolo gratuito delle aree, censite al catasto terreni al fg. n. 3, p.lla n. 1790, per la reali
Atto numero 76 
del 29-08-2008
Tipo di Atto: DELIBERA DI GIUNTA
Allegato: DGM00076.DOC (27 kb) File con estensione doc

Il Sindaco, Gaspare prof. Portobello sottopone all’approvazione della Giunta Comunale la seguente proposta di deliberazione:
Nomina al Responsabile del III Settore, arch. Sandro D’Arpa, a rappresentare il Comune di Isola delle Femmine per la stipula dell’atto relativo alla cessione a titolo gratuito delle aree, censite al catasto terreni al fg. n. 3, p.lla n. 1790, per la realizzazione delle quali è stato ottenuto lo scorporo degli oneri di urbanizzazione primaria relativi agli immobili realizzati con C.E. n. 09/02, prospicienti su detta strada;
LA GIUNTA COMUNALE
Premesso che:
         Che in data 14/05/2002 veniva rilasciata dal Comune di Isola delle Femmine la Concessione Edilizia n. 09/02, al Sig. Arena Giovanni, nato a Palermo il 15.06.1931, per la realizzazione di un insediamento residenziale su un’area sita in località “Quattro Vanelle” Via Passaggio della Tortora, identificata al N.C.T. al foglio di mappa 3 particella 1791 (ex 248/249 e 256), successivamente volturata al nuovo proprietario in data 01/09/2003 sig. Billeci Salvatore, nato a Capaci il 29/05/1937 e residente in Isola delle Femmine, Passaggio del Cedro n. 6, codice fiscale  BLL SVT 37E29 B645L, in forza dell’Atto di Permuta stipulato il 16/07/2003 presso il Notaio Francesco Rizzuto, Rep. n. 64703, registrato in Palermo il 29/07/2003 al n. 75925;
         Che ai fini edificatori del lotto identificato al catasto – foglio n. 3 particella n. 1791, l’Ufficio Tecnico Comunale con nota p.llo n. 14137 del 12.11.2001 esprimeva la necessità della realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria, relative alla viabilità previste nel Piano Particolareggiato
         Che in data 16.02.2007- veniva rilasciata dall’U.T.C., la concessione edilizia n. 3, ai sensi della L.N. 10/1977 art. 9 lettera “f”, per l’esecuzione di opere di urbanizzazione primaria consistenti nella “realizzazione della rete di distribuzione idrica, della rete fognante, della rete di distribuzione dell’energia elettrica, dell’impianto di illuminazione della rete stradale nonché della realizzazione della rete stradale nel lotto di terreno sito in Isola delle Femmine, Passaggio delle Tortore censito al N.C.T. al foglio 3 particella n. 1790;
Considerato che :
         che il sig. Billeci Salvatore, nuovo proprietario intende ottemperare a quanto disposto dall’Ufficio Tecnico comunale, con nota p.llo n. 14137 del 12.11.2001, e procedere alla cessione a titolo gratuito delle aree, censite al catasto terreni al fg. n. 3, p.lla n. 1790, per la realizzazione delle quali è stato ottenuto lo scorporo degli oneri di urbanizzazione primaria relativi agli immobili realizzati con C.E. n. 09/02, prospicienti su detta strada;
         che tale cessione deve avvenire in presenza di un Notaio;
Delibera
Autorizzare il responsabile del III Settore, arch. Sandro D’Arpa, a rappresentare il Comune di Isola delle Femmine per la stipula dell’atto relativo alla cessione a titolo gratuito delle aree, censite al catasto terreni al fg. n. 3, p.lla n. 1790, per la realizzazione delle quali è stato ottenuto lo scorporo degli oneri di urbanizzazione primaria relativi agli immobili realizzati con C.E. n. 09/02, prospicienti su detta strada;
Pareri ed attestazioni resi ai sensi e per gli effetti dell’art. 49 del t.u. sull’ordinamento degli enti locali, approvato con D.lgs. 18/08/2000, n° 267, relativi alla proposta indicata in oggetto:
Si esprime parere favorevole sulla regolarità tecnica della superiore deliberazione
           Il Direttore Generale
F.to      Dr. Manlio Scafidi
LA GIUNTA COMUNALE
Vista la superiore deliberazione, corredata dal parere prescritto;
Ritenuta meritevole di approvazione;
Con voti unanimi, espressi per alzata di mano, accertati e proclamati dal Sindaco
DELIBERA
Di approvare la superiore proposta di deliberazione, corredata dal prescritto parere, rendendola immediatamente esecutiva.

ISOLA DELLE FEMMINE:

CAPACI ISOLA DELLE FEMMINE LE FAMIGLIE:

L’UFFICIO TECNICO COMUNALE DI ISOLA DELLE FEMMINE TERRITORIO  SENTENZE:

SENTENZA 226 98 PROC 2585 90 5236 93 CONC 52 88 54 81 53 80 68 89 SAMANTA COSTR CANEPA SALVATORE LIC 27 89 SIALMA COSTR SOCIO MANNINO GIUSEPPE TOMMASO CEC 79 88 PIETRO BRUNO

SENTENZA 267 99 PROC 384 96 2419 94 PARERE NEG CEC ALBERT RAPPA 28 1 1993 2 2 1993 SAN  SIINO ANTONIO SU TERRENO LIMITROFO BELLIS ERNESTA RAPPA 4 VILLETTE

SENTENZA 652 00 PROC 1791 95 6166 95 CONC AGIB ABITAB IN ASSENZA VARIANTE SU LIC 9 1990 PAGANO COSIMO CUTINO PIETRO EDIL ROMEO ALBERT NOTO ANTONIO BRUNO MARIA LAURA BOLOGNA

CAPACI, ISOLA, BRUNO FRANCESCO, VASSALLO SALVATORE, BILLECI
SALVATORE, BADALAMENTI, COPACABANA, RICCOBONO,ENEA,MAFIA,SCIOGLIMENTO
CONSIGLIO COMUNALE ISOLA,TAR ROMA
2989/2013,TAR PALERMO 313/2013